Ci sarà una terza stagione di The OA su Netflix?

Dramma


Rinfrescantemente bizzarro o totalmente pazzo, The OA di Netflix è diverso da qualsiasi cosa tu abbia mai visto sullo schermo prima. Scavando nelle esperienze di pre-morte, nei viaggi interdimensionali e nella coscienza stessa, le prime due stagioni (la seconda delle quali è disponibile per lo streaming oggi) offre alcune immagini e colpi di scena davvero sbalorditivi.

Ma abbiamo delle brutte notizie: sebbene una terza parte della storia sia stata sviluppata dai co-creatori Zal Batmanglij e Brit Marling (che interpreta anche il personaggio titolare), The OA è stato cancellato da Netflix.





In una dichiarazione, il capo degli originali Netflix Cindy Holland ha dichiarato: Siamo incredibilmente orgogliosi dei 16 affascinanti capitoli di The OA e siamo grati a Brit e Zal per aver condiviso la loro visione audace e per averla realizzata attraverso la loro incredibile abilità artistica.

Ma cosa sarebbe potuto succedere nella terza stagione dello show? In precedenza abbiamo incontrato Jason Isaacs (Dr 'Hap' Hunter) e Kingsley Ben-Adir (investigatore privato Karim Washington) per scoprire il potenziale futuro di The OA...

Ci sarà una terza stagione di The OA?

Come abbiamo detto in precedenza, no, Netflix ha cancellato lo spettacolo. Tuttavia, Batmanglij e Marling hanno sicuramente dei piani su come andrà avanti la storia, se dovesse essere rinnovata.

smeriglio 6

Hanno tutte e cinque le stagioni tracciate nella loro testa. Lo hanno fatto prima di iniziare, ha detto Isaacs a RadioTimes.com prima del lancio della seconda stagione. E questo è uno dei motivi, credo, per cui lo show è stato originariamente scelto da Netflix. Perché sono arrivati ​​con questa cosa che era completamente formata. Sono le loro voci singolari. Non porta il marchio di alcun tipo di sviluppo esecutivo.



Ha aggiunto: Sono così coinvolto nel vederlo come un fan che spero Dio che alla gente piaccia lo show tanto quanto me perché vorremmo avere una terza, quarta e quinta stagione.

Brit Marling e Jason Isaacs in The OA (Netflix)

Ovviamente, come Lucifer, c'è sempre la possibilità che lo spettacolo possa essere rinnovato su un'altra rete o servizio di streaming. Tuttavia, a questo punto, lo spettacolo non è stato ripreso altrove.

Quando sarà in TV la terza stagione di The OA?

Con un intervallo di quasi due anni e mezzo tra la prima e la seconda stagione, i fan potrebbero dover essere molto paziente per vedere se una terza stagione si materializzerà mai, se dovesse essere ripresa.

A novembre 2018, Marlengo hanno dato una spiegazione molto granulare del motivo per cui la seconda stagione dello show – originariamente commissionata nel 2017 – impiegava così tanto tempo per raggiungere gli schermi. Citando come The OA non fosse un prodotto di una narrativa di modelli, Marling ha suggerito che la natura non formulata dello spettacolo si aggiungesse ai suoi lunghi tempi di produzione.

I nostri capitoli variano in lunghezza, portata e persino genere, ha detto. Non c'è nessun modello. Di conseguenza, ad ogni passo lungo il percorso nulla può essere imitato, deve essere inventato.

Marling e Kingsley Ben-Adir nella stagione 2 di The OA

E poi c'è il problema di completare la scrittura prima che The OA possa essere ripreso dalla telecamera. Poiché sono sia l'attore principale che uno scrittore principale, non possiamo scavalcare la produzione. Dobbiamo scrivere tutti e otto i capitoli in anticipo prima di poter iniziare a girare il primo capitolo, ha spiegato Marling.

Ha aggiunto: Alcune persone hanno pensato alla Parte I di The OA come a un lungo film, scrive Marling. Se lo guardi da questa prospettiva, io e Zal [Batmanglij] scriviamo e creiamo un film di 8 ore ogni 2 anni. È abbastanza veloce considerando che la maggior parte dei film di 2 ore impiega almeno 2 anni per essere realizzati!

In altre parole, anche se un altro servizio decidesse di produrre più episodi di The OA, potrebbe volerci un po' di tempo prima di vederli.

Cosa potrebbe succedere nella terza stagione di The OA?

Se raccolto, diventerà – in qualche modo – ancora più strano. Almeno, secondo Ben-Adir. So dove andrà nella prossima stagione, che è NUTS! Come, inimmaginabile! Sinceramente! Ad esempio, non sto nemmeno cercando di venderlo: è pazzesco! Egli ha detto.

Pensi che vada lì, ma poi va [inizia a indicare freneticamente] lì e lì e poi lì!

Kingsley Ben Adir (Getty)

Tuttavia, Isaacs in seguito ha insinuato che le stagioni future non saranno così caotiche come sembra: [Batmanglij e Marling], credimi, hanno pensato a tutto. Tutti saranno ricompensati quando raggiungeremo la fine del viaggio.

Chi potrebbe essere nel cast della terza stagione di The OA?

A giudicare dai commenti di Ben-Adir su una folle terza stagione a venire, è probabile che il suo personaggio – Karim Washington – tornerà per una terza stagione. Dicendo che sapeva una parte di dove stiamo andando, anche il dottor Hunter di Isaacs potrebbe tornare nello spettacolo.

Naturalmente, c'è anche la possibilità che entrambi gli attori sappiano semplicemente cosa accadrà nelle ultime stagioni di The OA nonostante siano stati uccisi. A questo punto, non possiamo essere sicuri.

Tuttavia, possiamo essere abbastanza positivi che una terza stagione includa il personaggio di Marling Prairie Johnson. Non solo l'ex donna cieca è così parte integrante della storia, ma il suo nome adottivo, The OA, è anche il titolo dello spettacolo.

Ma oltre a ciò, non c'è alcuna indicazione se altri personaggi importanti, come lo psicologo dell'FBI di Riz Ahmed o l'adolescente arrabbiato Steve Winchell di Patrick Gibson, torneranno per un'altra dose di viaggio interdimensionale e danza interpretativa.


Iscriviti alla newsletter gratuita di RadioTimes.com