Chi ha cercato di sparare alla regina Vittoria? La vera storia del tentativo di assassinio del 1840

Dramma


Il finale della prima serie di Victoria presenta molte trame emozionanti, ma il tentato omicidio del minuscolo monarca di Jenna Colman è tra i più drammatici.

( Clicca qui per leggere del tentativo di assassinio in SERIE DUE. )





La storia reale dell'attentato alla vita della regina Vittoria è piuttosto interessante, tanto intrigante quanto suggerisce l'adattamento televisivo...

Cosa è successo davvero quando Victoria e Albert sono usciti con la loro carrozza in quel fatidico giorno?

Il 10 giugno 1840, l'allora incinta regina Vittoria era sulla sua carrozza quotidiana con il principe Alberto quando due colpi le furono sparati a Constitution Hill.

Ecco come la Regina ha descritto l'intera vicenda nel suo diario.

Alle 6 uscimmo con la nostra Drotschky, come al solito, e poiché avevamo appena lasciato il palazzo a circa metà della strada, prima di Constitution Hill, fui assordato dal rumore di una pistola e la nostra carrozza si fermò involontariamente. Albert era seduto alla mia destra. Ci siamo guardati intorno e abbiamo visto un ometto sul sentiero, con le braccia incrociate sul petto, una pistola in ogni mano, e prima che fosse trascorso mezzo minuto, l'ho visto mirare a me con un'altra pistola. Abbassai la testa e subito seguì un altro sparo, ugualmente forte; ci siamo guardati intorno e abbiamo visto che l'uomo era stato rapidamente circondato e catturato. Albert ordinò direttamente al Postillion di proseguire come se nulla fosse, a casa di mamma. Poco prima che venisse sparato il 2° colpo e mentre l'uomo prendeva la mira, o meglio mentre sparava, il caro Albert si è girato verso di me, stringendomi la mano, esclamando mio Dio! Non allarmarti. Gli ho assicurato che non ero minimamente spaventato, il che era il caso. Non è mai entrato nella mia testa, né nella sua, dopo l'1primacolpo, che era destinato a me.

Anche Lord Melbourne le fece visita dopo.



Subito dopo abbiamo visto Lord Melbourne, con cui entrambi abbiamo stretto la mano e che è stato visibilmente colpito dal resoconto che gli ho fatto. Ha detto che pensava che fosse la cosa migliore da parte nostra, aver proseguito, come abbiamo fatto noi. Albert uscì dalla stanza per un momento, per parlare con Sir Henry Wheatley, che era stato a vedere l'uomo ed era tornato con il rapporto. Quest'ultimo non doveva essere esaminato fino al giorno successivo e aveva chiesto se ero ferito. Quando hanno risposto, grazie a Dio! Non lo ero, allungò entrambe le braccia, come per dire che era molto dispiaciuto. Parlai ancora un po' con Lord Melbourne, il quale, uscendo, mi disse con le lacrime agli occhi, Dio ti benedica, e strinse la mano di Albert.

L'aggressore era un londinese disoccupato di 18 anni di nome Edward Oxford, che passerà alla storia come il primo di una serie di uomini che hanno tentato di assassinare la regina.

Perché Edward Oxford ha cercato di uccidere la regina Vittoria?

Ci sono molte voci sul motivo per cui Oxford potrebbe aver tentato di assassinare la regina, una importante è che era stato istruito da una fazione politica chiamata Young England - che secondo lui includeva il re di Hannover e Lord Palmerston tra i suoi membri.

La regina non credette mai che suo zio fosse dietro l'attentato alla sua vita, descrivendo le affermazioni di Oxford come meravigliose improbabilità nel suo diario del 15 giugno 1840.

La famiglia di Oxford si è dichiarata pazzia da parte sua e, poiché non hanno trovato prove che le pistole fossero caricate con qualcosa di diverso dalla polvere da sparo, la giuria lo ha dichiarato non colpevole.

Tuttavia, decisero che il suo destino doveva essere lo stesso di tutti quelli ritenuti pazzi, e lo condannarono all'ergastolo presso il State Criminal Lunatic Asylum di Bethlam.

ufl uscita

Che ne è stato di Edward Oxford?

Alla fine fu trasferito alla prigione di Broadmoor il 30 aprile 1864, dove i suoi documenti affermano che era un uomo industrioso e ben condotto. L'allora quarantenne Oxford fece solidi progressi durante il suo periodo lì e alla fine fu decretato che doveva essere liberato.

Il ministro degli Interni Sir George Gray si rifiutò di rilasciarlo, ma il suo successore Gathorne Hardy permise a Oxford di essere liberato nel 1867, a condizione che lasciasse il Regno Unito.

L'uomo libero si recò in Australia, dove si costruì una nuova vita con un nuovo nome: John Freeman.

Morì nel 1900, l'anno prima che la regina morisse.