Una recensione di Very British Scandal: una duchessa affondata dal doppio standard sessista

Dramma

Questo concorso è ora chiuso



5,0 su 5 stelle

Non c'è un odore di Natale tifo per A Very British Scandal, che arriva su BBC One e iPlayer il giorno di Santo Stefano. Il dramma in tre parti, creato e scritto da Sarah Phelps (Dublin Murders, The Pale Horse), racconta il corteggiamento, il matrimonio e il successivo divorzio del Duca e della Duchessa di Argyll, interpretati da Paul Bettany di WandaVision e Claire Foy di The Crown. La loro relazione si è schiantata e bruciata in piena vista del mondo - e ha guadagnato a quest'ultimo un soprannome particolarmente grossolano: la 'Dirty Duchess', che le è rimasta attaccata come catrame. Al Duca, al contrario, non è stata data una tale etichetta - uno sbalorditivo doppio standard che si trova al centro di questa narrazione.

Siamo a conoscenza del momento in cui la coppia si è incontrata per la prima volta, 16 anni prima che si affrontassero in tribunale nel 1963, quando il flirt piuttosto che lo scuoiamento verbale era all'ordine del giorno.





Nella scena, Ian Campbell, il Duca, inizia una conversazione con la sua futura duchessa, Margaret Sweeny, come era allora conosciuta. Il primo è affaticato dal proprio matrimonio, mentre il secondo è sull'orlo del divorzio – tempismo impeccabile, va detto. Ian accende immediatamente il fascino, non nascondendo i suoi desideri pieni di lussuria per Margaret, bevendo ogni grammo di lei con uno sguardo che è allo stesso tempo seducente e predatore. Morde e il resto, come si suol dire, è storia – letteralmente, in questo caso.

I dettagli del loro tempestoso matrimonio, intriso di bugie, tradimenti e acuta crudeltà, sono tutti di dominio pubblico. Forse sei già ben consapevole della loro straordinaria storia, che spesso è più strana della finzione. Forse hai appena conosciuto le due figure al centro di questa storia. Ad ogni modo, per entrare nei minimi dettagli su ciò che è coperto e su come sarebbe rovinare l'esperienza visiva. Ma noi potere rivelare che non delude.

BBC / Progetto

A Very British Scandal è un sofisticato pezzo di televisione che offre in ogni reparto. Lo squisito giro di parole di Phelps è flesso al massimo delle sue capacità mentre si trova a cavallo tra dramma e commedia senza soluzione di continuità: preparati per i cazzi d'oro a orologeria che saltano su e giù per un ampio tavolo da pranzo. La serie è anche visivamente sbalorditiva, grazie alla regia di prim'ordine di Anne Sewitsky, alla ricchezza delle varie ambientazioni, che comprende l'esterno del vero castello di Inveraray dove viveva la coppia, e un reparto costumi che si è superato.

Anche il cast è altrettanto impressionante, con Foy e Bettany nella loro forma migliore. I loro ruoli richiedono molto da loro, scalando l'intero spettro delle emozioni, dalla costrizione misurata alla rabbia apoplettica, ma non vacillano nemmeno una volta. Si è detto molto del magnetismo di Margaret, che attirava lo sguardo di chi la circondava ogni volta che entrava in una stanza, e Foy cattura con successo quella qualità, spiegando perché la duchessa era una tale fonte di desiderio e fascino per così tanti. Il ruolo di Bettany è ingannevolmente fisico a causa dello stato di ubriachezza quasi costante del Duca e dei fiumi di furia che lo attraversano. È uno stato dell'essere molto particolare e preciso che molti non riescono a padroneggiare, ma Bettany non sbaglia un passo.

In paia di mani minori, la resa del Duca e della Duchessa avrebbe potuto barcollare in qualcosa di piuttosto clownesco, ma il duo si comporta con un'autorevole disinvoltura che senza dubbio gli darà un riconoscimento. Separati sono sublimi, ma insieme sono elettrici. Se solo avessimo un episodio in più per ammirare i loro talenti, che è il nostro unico cavillo con questa serie. L'azione si muove a un ritmo tale che non c'è certamente pericolo di noia, ma alcuni potrebbero pensare che avrebbe potuto trarre beneficio dall'avere un po' più di spazio per respirare.



Ma va notato che questo è più di un semplice pezzo di intrattenimento che andrà giù molto bene con il tuo formaggio e porto. Phelps sta prendendo in considerazione i libri di storia e ogni individuo che ha contribuito, sia esso una riga o più capitoli, per il modo orribile in cui Margaret è stata trattata. Non solo si è rifiutata di nascondere il suo amore per il sesso, ha affermato apertamente che faceva parte delle sue competenze - sono estremamente brava in questo, dice nel drama dopo che Maureen di Julia Davis ha tentato di umiliarla. Per questo è stata criticata aspramente dalla stampa, dal pubblico e dal giudice che ha supervisionato l'udienza di divorzio.

Ha pronunciato un feroce giudizio di tre ore che aveva uno scopo: far vergognare Margaret. Le azioni di Ian come mostrato nel dramma - i suoi numerosi flirt con altre donne, il bere eccessivo e le esplosioni volubili - non sono state prese in considerazione perché quei fatti non si adattavano alla narrativa popolare, che si occupava di punire Margaret per facoltà interamente umane. Era un cane rabbioso che semplicemente dovere essere montato in forma.

Durante le domande e risposte con la stampa, Phelps ha tracciato dei paralleli tra il trattamento che Margaret ha subito e quello che... Meghan Markle subì più di mezzo secolo dopo. Ciò si estende anche a Britney Spears, Caroline Flack, Amy Winehouse e innumerevoli altre donne. È un atto d'accusa schiacciante contro la società, sia negli anni '50 e '60, sia in questo momento. Noi ancora non ho imparato, nemmeno adesso, dopo tutto. Ma dobbiamo. Dobbiamo assolutamente.

A Very British Scandal va in onda il giorno di Santo Stefano alle 21:00 su BBC One. Mentre aspetti, dai un'occhiata alle altre nostre Dramma copertura, o scopri cos'altro c'è con il nostro guida tv .

Il doppio numero di TV cm Christmas di quest'anno è ora in vendita, con due settimane di elenchi TV, film e radio, recensioni, servizi e interviste con le star.