Tom Baker: 'Ho preso Doctor Who di punto in bianco e non sapevo cosa farne'

Sci-Fi

Questo concorso è ora chiuso



trecce francesi

Tom Baker ha interpretato per la prima volta il Dottore quasi 50 anni fa e, a sentirlo dire dalla leggenda della recitazione, non si è mai davvero fermato.

L'ho capito di punto in bianco, dice guida tv del suo casting del 1974 come sostituto di Doctor Who di Jon Pertwee. Eravamo lì, e ho pensato... non sapevo cosa farne. E ancora non so cosa farne! Perché ovviamente, il problema è che non è proprio una parte recitativa. In realtà, non recito davvero, perché mi mettono semplicemente in imbarazzo.





Cerco di abitare questo tipo di persone strampalate con cui interpreto, e trovo una nicchia stravagante nel mio cervello stravagante... le inserisco e partiamo!

Nel 2011, tre decenni dopo la messa in onda della sua ultima storia televisiva, Logopolis, Baker ha firmato per riprendere il suo ruolo iconico in una serie di drammi audio prodotti da Big Finish. Tre anni dopo, si è riunito con Philip Hinchcliffe , il produttore che, insieme allo sceneggiatore Robert Holmes, aveva realizzato alcune delle storie più amate del Quarto Dottore tra il 1974 e il 1977.

Trovava spesso le mie idee interessanti ea volte le adottava, Baker ricorda di aver lavorato con Hinchcliffe alla serie televisiva. E per questo motivo, ovviamente, ho pensato che avesse un gusto e delle intuizioni meravigliosi.

Quando mi sono innamorato di Doctor Who e ho capito che a Philip piaceva quello che stavo facendo, e anche agli altri attori, ho continuato. Sono sempre stato, da ex cattolico, alla ricerca di un nuovo significato alla vita. E poi è arrivato Doctor Who e improvvisamente perdere la mia fede in Dio non sembrava così grave. Non così serio ottenere una buona parte!

Dal 2014, Hinchcliffe e Big Finish hanno collaborato alla gamma Philip Hinchcliffe Presents…, che nelle stesse parole dell'uomo comprende nuove storie che non sarebbero seguite dalla mia ultima stagione negli anni '70, ma che hanno il sapore di quello che stavamo facendo in quei tre anni.



L'ultimo, quarto volume è Il Dio dei Fantasmi , che riunisce ancora una volta il dottore di Baker con la compagna Leela (Louise Jameson), sua co-protagonista nella serie TV del 1977-78, per una storia di fantasmi con un tocco fantascientifico.

Tutti quelli che incontrano Louise la amano, perché costringe all'affetto, Baker è raggiante. Ed è bellissima e molto spiritosa. Abbiamo assolutamente una relazione meravigliosa ora e siamo costantemente in contatto con piccoli messaggi adorabili su ciò che stiamo facendo. Quindi è una storia felice, davvero molto felice.

calvario per innocenza
Grande finitura

Dalla struttura narrativa alla musica e al sound design, queste nuove storie – adattate dalle idee iniziali di Hinchcliffe dallo scrittore Marc Platt – cercano di riprendere il sapore e l'atmosfera delle uscite televisive influenzate dall'horror di Doctor Who degli anni '70. Riprendere la sua esibizione non è stato un problema per Baker, soprattutto perché sostiene che interpretare il Dottore non fosse affatto una performance per lui.

Sono solo io, davvero, dice. Sono solo io che cerco di essere divertente, o cerco di essere eroico in modo divertente.Il personaggio di Doctor Who è un vecchio così benevolo e spesso divertente, e ovviamente un pazzo, nel senso che non sa quanto è dotato e non sembra aver imparato molto su come la magia che comanda. Perché ovviamente, se lui fatto rendersi conto che non ci sarebbero storie, le risolverebbe subito. Ma tutti gli eroi devono avere una macchia nera, no?

È una parte meravigliosa, meravigliosa - non c'è niente di simile perché è completamente pazzesca. Non c'è motivo o rima per questo.E questo tipo di personaggio pazzo, sbarazzino, piuttosto affascinante, mi si adattava piuttosto bene. Ho pensato tra me e me: 'Sai, sono davvero a casa a farlo'.La gente mi dice: 'Il tuo Doctor Who è assolutamente favoloso, Tom, e la cosa meravigliosa è che non sembri recitare'. E prima che io possa dire che sono non recitando, continuano con un altro complimento...

I fan hanno spesso identificato un'evoluzione della performance televisiva di Baker nei sette anni in cui ha recitato la parte, con la fiducia iniziale che ha lasciato il posto a un periodo intermedio più sperimentale e folle, culminato in un'interpretazione più cupa nel suo ultimo anno nello show. Ma se questi cambiamenti stavano accadendo, afferma di non esserne a conoscenza.

Vuoi dire che c'è una differenza nel modo in cui l'ho giocato? No, ho solo una performance. davvero, e questo è quello di Doctor Who. Quindi no, non è cambiato affatto... consapevolmente. Benchè io cambiato: sono invecchiato e non riuscivo a correre più veloce.

garcia contro campbell

Per gestire le tue preferenze email, clicca qui.

Baker era l'unica costante della sua epoca - oltre alla familiare cabina di polizia del Dottore - con costumi, compagni, stili e produttori che andavano e venivano. Quando Hinchcliffe lasciò Doctor Who nel 1977 per lavorare alla grintosa serie poliziesca Target, fu sostituito dal creatore di quello show Graham Williams.

Ha cercato di lasciare il segno sulla cosa, è così che funziona, dice Baker di Williams. Quindi ha cercato di influenzarmi e forse di trasformarmi in il suo versione di Doctor Who. Non sembrava che gli fosse venuto in mente che aveva il lavoro come produttore, io avevo il compito di essere Doctor Who. Quindi ha dovuto scendere a compromessi lungo la strada.

Alla fine si è reso conto - quando altri attori, e uno o due dei registi con cui stavo lavorando, hanno detto: 'Ehi, sai, penso che Tom abbia qualcosa qui, penso che siamo su qualcosa' - che doveva sopportarlo. Dopo di che, siamo diventati abbastanza amichevoli... mai molto amichevole. Non sono così bravo a essere molto amichevole. Ma abbiamo coesistito e siamo andati avanti. Sono diventato sempre più fiducioso e hanno accettato sempre di più le mie idee assurde e il pubblico ha risposto.

BBC

Il rapporto di Baker con il suo terzo e ultimo produttore di Doctor Who, John Nathan-Turner, è stato per sua stessa ammissione piuttosto meno amichevole.Ora è arrivato e ha avuto l'idea di fare Doctor Who... come dovrebbe essere fatto. Era ovvio che vedeva Doctor Who proprio come vedeva se stesso. E non ero d'accordo con questo.

Per il resto era molto carino e molto generoso. Ma non mi piaceva il suo stile, sai, e a lui non piaceva il mio. Quindi è stata sempre una grande lotta, che non abbiamo dovuto portare all'arbitrato perché sarebbe stato controproducente, ma ha reso la vita difficile e ha reso costantemente necessario il compromesso da entrambe le parti.

Essendo diventato il dottore più longevo fino ad oggi - un riconoscimento che detiene fino ad oggi - Baker ha lasciato la serie nel 1980, andando a interpretare Sherlock Holmes in un adattamento della BBC del 1982 di The Hound of the Baskervilles e apparire in Blackadder II, The Chronicles di Narnia e il reboot di Randall e Hopkirk (deceduto). Ma c'era, insiste, un po' del Dottore in ogni ruolo che ha interpretato da allora.

  • Per le ultime notizie e i consigli degli esperti su come ottenere le migliori offerte quest'anno, dai un'occhiata al nostro Black Friday 2021 e Cyber ​​Monday 2021 guide.

Tom Baker e lo scrittore de Il dio dei fantasmi Marc Platt

giovani reali Guglielmo
Paul Midcalf

Non potevo lasciarlo indietro. Sarebbe come lasciarmi indietro. Sono bloccato con il modo in cui sono. Siamo tutti bloccati nel modo in cui siamo e dobbiamo sfruttarlo al meglio e sfruttare ciò che piace di noi alla gente. Come attore, ad alcune persone è piaciuto il modo in cui faccio le cose, o il modo in cui faccio qualsiasi cosa, perché non c'è davvero molta differenza tra le cose che ho fatto.

Tutto ciò significava che non era ansioso di tornare a Doctor Who attraverso le sue collaborazioni con Big Finish.Non ho mai smesso di essere Doctor Who.Ho interpretato Macbeth nel modo in cui ho interpretato Doctor Who Quindi, naturalmente, non è stato un successo. Ma anche se non è stato un successo, il pubblico ha riso molto e questa è stata una sorta di consolazione.

Non posso davvero interpretare un cattivo più di quanto potrei davvero interpretare un super investigatore come Sherlock Holmes. Ho anche interpretato Sherlock Holmes sul palco e la gente mi ha trovato assolutamente ridicolo. Non riuscivo proprio a capire la sua vanità. Quello che ho imposto è stata la mia ansia e la mia idea di come raccontare la storia. E, naturalmente, la gente lo trovava molto, molto divertente.

Interpreta il Dottore del Grande Finale da un decennio ormai, superando la sua corsa televisiva, e non ha intenzione di fermarsi. Tom Baker, a quanto pare, è il Dottore per la vita.Ciò che mi ha fatto tornare è che ho la parte migliore e tutte le battute migliori! dice, prima di scatenarsi con una delle sue risate tonanti tipiche. E ai ragazzi di Big Finish piace il mio lavoro, e sembra che piaccia agli attori in visita. Molti dei comprimari che entrano, mi hanno guardato prima di raggiungere l'età della ragione, perché risale a molto, molto tempo fa, non è vero, Doctor Who?

record mondiale 100m

Per molti di loro, è una piccola ambizione furtiva venire a recitare una parte in Doctor Who. Questo è quello che mi dicono comunque. Sono attori, quindi non posso credere a una parola di quello che stanno dicendo. Ma è affascinante.

Doctor Who: Philip Hinchcliffe Presents Volume 04: The God of Phantoms è ora disponibile da bigfinish.com .

Visita il nostro hub di fantascienza per ulteriori notizie e funzionalità o trova qualcosa da guardare senza la nostra Guida TV.