Tina Moore: i miei anni d'oro con Bobby – e i tradimenti che hanno segnato il suo ritiro

Dramma


Non c'è niente come incontrare una persona famosa per aver smantellato una serie di supposizioni fuori luogo.

Tina Moore era sposata con l'unico calciatore britannico ad aver mai capitanato una squadra vincitrice della Coppa del Mondo. Bobby Moore incontrò Tina Dean nel 1958 quando lui aveva 17 anni e lei 15, e quando Moore si asciugò le mani dal sudore e dal fango dello stadio di Wembley prima di ricevere il trofeo Jules Rimet dalla regina nel luglio 1966, la coppia era stata sposata da quattro anni.





Ora l'epica storia d'amore di Bobby e Tina è stata drammatizzata, basata sul libro di memorie di Tina del 2006 ripubblicato l'anno scorso, il che ci porta alle mie supposizioni mal riposte.

Il suo libro si chiama Bobby Moore dalla persona che lo conosceva meglio, un titolo decisamente proprietario, non ultimo perché descrive una relazione che è finita da molto più tempo di quanto sia durata.

Nel frattempo, Tina è stata con il proprietario di un bar irlandese Steve Duggan negli ultimi dieci anni, per il quale la sua ripetuta discussione pubblica sul suo ex marito deve essere un'esperienza di prova.

Tuttavia, non appena inizia l'intervista con Tina, trasmette i suoi ricordi di Bobby con dolcezza piuttosto che con gelosa proprietà della storia del suo ex marito; e mi rendo conto un po' vergognosamente che mi piace.



Penso di essere stata la persona che lo conosceva meglio, ma non volevo questo come titolo del mio libro, spiega, mentre parliamo in un hotel di Londra vicino alla sua casa di Chelsea. Volevo Moore su Moore, ma non avevo voce in capitolo.

Lorne MacFadyen e Michelle Keegan in Tina e Bobby di ITV

Il giorno in cui ci incontriamo deve ancora vedere il dramma, e sta per vedere il primo episodio, che descrive in dettaglio la diagnosi di cancro ai testicoli di Moore nel 1964, quando aveva 23 anni e gli fu rimosso chirurgicamente un testicolo. All'epoca era normale che il parente più prossimo decidesse se il paziente fosse informato della diagnosi e Tina sapeva che suo marito non doveva essere informato.

Allora, era una condanna a morte, dice. Il solo pensiero del cancro potrebbe influenzare il processo di guarigione. Quella parola non è mai stata pronunciata tra noi in tutti gli anni che siamo stati insieme.

scongelare il pollo

Meno di due anni dopo il suo intervento chirurgico, ha alzato la Coppa del Mondo. Tina dice che era ancora lo stesso uomo del diciassettenne che aveva incontrato per la prima volta all'Ilford Palais.

Il vero Bobby Moore che alza la Coppa del Mondo nel 1966

All'inizio non sono rimasta particolarmente colpita, sorride. Non era proprio bello, ma era di bell'aspetto e il fascino personificato. Mi lasciava dei bigliettini d'amore sotto il cuscino. Aveva uno spirito secco e impassibile. Non è mai cambiato – sempre protettivo con me stesso e i bambini [Roberta, nata nel 1965, e Dean, 1968].

Ovviamente era un giovane, e quando usciva a bere qualcosa con i suoi amici mi faceva impazzire quando non tornava a casa in tempo. Ma se fossimo fuori e lui si sentisse messo da parte, mi avrebbe coinvolto nella compagnia. Era molto compassionevole in quel modo, empatico, educato al rispetto degli altri.

Una volta ha detto che aveva un solo vero amico, e quello ero io. È stato molto premuroso, fino alla fine, quando tutto è cambiato. Ma prima è cambiato quando il calcio è finito e non è riuscito a trovare un lavoro.

È difficile ora immaginare cosa sia più inconcepibile: l'Inghilterra che vince la Coppa del Mondo o il capitano di quella squadra non festeggiato alle stelle.

Ma mentre Moore alla fine era venerato, quando i suoi giorni da giocatore finirono nel 1978, la Football Association non gli offrì alcun ruolo di ambasciatore, e persino l'opinione dei media lo sfuggì in gran parte. Anche una serie di iniziative imprenditoriali è finita male.

Era profondamente depresso, dice Tina. Era molto orgoglioso e si sentiva rifiutato, sconcertato. Era scandaloso come lo trattava la FA, uno scandalo. È tutto molto positivo che ci siano delle statue per lui ora, ma sarebbe dovuto accadere durante la sua vita. Allora, ha iniziato a chiudersi in se stesso.

Ha sempre odiato il confronto e interiorizzava molte cose. Ho scoperto a mie spese che avrebbe tagliato fuori. Potrebbe alzare un muro e congelare le persone. Tutto ha contribuito alla nostra rottura.

tempo bolt 100 metri

Ha scoperto la relazione di suo marito quando era in visita in Australia. Ha chiamato la sua camera d'albergo e una donna ha risposto al telefono. I Moore si separarono poco dopo e divorziarono nel 1986.

Ero sbalordito. La separazione è stata terribile. Mi sono trasferita in un cottage, ma ero conosciuta come l'ex signora Moore. Ero così infelice. Quindi, una volta cresciuti i miei figli, mi sono trasferito a Miami. Ma sono passati dieci anni prima che smettessi di essere innamorata di lui.

Ha incontrato Bobby l'ultima volta per puro caso sulla metropolitana di Londra intorno al 1989, durante una visita invernale a Londra dopo che aveva stabilito la sua nuova vita in Florida. Non se ne accorse finché non batté tre volte sul sedile accanto a lei, e poi parlarono come vecchi amici.

Aveva perso il suo bagliore dorato, dice. Sembrava tormentato e smunto, non bene. Ovviamente era felice nella sua vita personale, e sono sicuro che sua moglie si è presa cura di lui magnificamente, ma non stava ottenendo alcun lavoro. Comunque è stato bello vederlo.

Tina e Bobby Moore dopo la vittoria della Coppa del Mondo, 31 luglio 1966

Quando è morto [di cancro intestinale], ero devastato. Sapevo che era molto malato e gli ho mandato un biglietto per dire che qualunque cosa fosse successa tra noi non aveva importanza. Nostra figlia Roberta mi ha detto che gli è piaciuto. Non sono innamorato di Bobby ora – è tutto così tanto tempo fa. Ma non ho mai smesso di prendermi cura di lui. Sono stato molto selettivo sugli uomini dopo di lui, e ora sto con Steve da dieci anni. È un personaggio adorabile. Mi capisce e mi capisce perché parlo pubblicamente di Bobby con grande amore.

Lei e Stephanie [la seconda moglie di Bobby] si sono incontrate di sfuggita. Tina non fornirà dettagli in merito, ma la accredita come una buona matrigna.

La famiglia di Tina si sta espandendo: Roberta ha due figli che ora sono giovani adulti e la figlia di Dean, Poppy, ha dato a Tina un pronipote, con due gemelli in arrivo.

Lo stesso Dean è morto nel luglio 2011, a causa di complicazioni del diabete, all'età di 43 anni. Viveva da solo, avendo precedentemente lottato con problemi di alcol.

La compostezza di Tina si sgretola all'istante alla menzione della morte del suo unico figlio, ed è chiaramente giusto spegnere il registratore. Così le parole che ha detto, con le lacrime sulle guance, sono riprodotte a memoria: L'ultima volta che l'ho visto è stato un lunedì. Era all'asciutto da dieci mesi e stava benissimo. Steve ed io siamo volati a Miami e il venerdì ho fatto il sogno più vivido. Ero con Bobby, ed era così amorevole. Quando mi sono svegliato ho detto il suo nome.

Ho chiamato Dean ma non sono riuscito a contattarlo, ed è per questo che è stato trovato. E poi ho pensato al sogno. Credo davvero che Bobby sia venuto da me e che loro due stiano insieme. Ne traggo grande conforto.

Tina e Tina e Bobby sono venerdì 21:00, ITV