Recensione Spider-Man: No Way Home – Il miglior film di supereroi degli ultimi anni

Film

Questo concorso è ora chiuso



777 numero angelico
4,0 su 5 stelle

È impossibile sapere come parlare di Spider-Man: No Way Home per quanto riguarda gli spoiler. Qualcosa è davvero uno spoiler se praticamente tutti nel mondo lo sospettano già? È uno spoiler se il film è già uscito nel Regno Unito? Ed è uno spoiler se conoscerli non toglie che questo sia uno dei migliori film di supereroi degli ultimi anni?

Bene, non voglio essere sgridato, quindi eviterò tutto ciò che è troppo piccante in questa recensione. Ma gli altri non stanno attenti, quindi fai attenzione: se sei particolarmente contrario alla trama o sei riuscito in qualche modo a mantenere la purezza mentale su ciò che potrebbe o non potrebbe accadere in questo film, ti aspettano alcuni giorni di navigazione Internet.





Anche se, naturalmente, le cose potrebbero andare peggio: potresti essere un controverso supereroe la cui identità segreta è stata intonacata su tutti i cartelloni pubblicitari di Times Square. Là, ma per la grazia di Dio – o almeno un ragno radioattivo e Mysterio – andiamo noi.

Per gestire le tue preferenze email, clicca qui.

Come ricorderete, questo era il destino di Peter Parker/Spider-Man di Tom Holland in Far From Home del 2019, e questo seguito torna indietro in pochi secondi dopo quel cliffhanger. Improvvisamente (e letteralmente) smascherato da J Jonah Jameson (JK Simmons), Peter fugge dalla scena in un'emozionante sequenza lancia-ragnatele, ma deve ancora affrontare la musica di compagni di classe, insegnanti, polizia, agenti federali e il pubblico diviso. la ricaduta continua.

Riuscirà più o meno a gestire tutto, con l'aiuto di alcuni amici, incluso un fantastico cameo a misura di fan, fino a quando non inizierà a influenzare il futuro del suo migliore amico Ned (Jacob Batalon) e della fidanzata MJ (Zendaya). C'è da meravigliarsi che possa ricordare l'ultima volta che tutto è andato storto, solo per essere aggiustato dal viaggio nel tempo?

Ecco perché cerca il Dottor Strange di Benedict Cumberbatch – ufficialmente non lo Stregone Supremo, a quanto pare – per chiedere aiuto, anche se quest'ultimo offre invece un incantesimo per far dimenticare al mondo l'Uomo Ragno di Peter, piuttosto che annullare ciò che è successo. Naturalmente, ne consegue la calamità, Peter rovina l'incantesimo... e poi iniziano a ricevere dei visitatori.



Green Goblin in Spider-Man: No Way Home

YouTube/Marvel

Invece di rimuovere l'identità di Peter Parker dal mondo, si scopre che l'incantesimo ha attirato persone di altri universi che sapevano che Peter Parker è Spider-Man (guarda, fallo e basta) – in particolare un Sinistro Cinque dei cattivi dell'era di Tobey Maguire Green Goblin , Doc Ock e Sandman (Willem Dafoe, Alfred Molina e Thomas Haden Church) e i cattivi dell'era di Andrew Garfield Electro e Lizard (Jamie Foxx e Rhys Ifans).

Il primo atto del film è l'ultimo che vedrai dell'universo low-stakes, mini high school creato nei primi due film di Tom Holland – ciao, divertente cast di supporto – perché da qui in poi saranno tutte grandi mosse. È Spider-Man che combatte i nemici classici, affronta Doctor Strange nella dimensione dello specchio e cerca di salvare o curare quei cattivi che altrimenti potrebbero essere rimandati nei propri universi e affrontare la morte.

Francamente, parti di questa sezione sono un po' disordinate e sfocate. Ci sono molti personaggi e ritmi della storia da destreggiarsi, e raggruppare i cattivi come una strana banda di cattivi riduce leggermente il loro impatto, mentre gli sforzi di Peter per aiutarli sono un po' confusi (se sono guariti, non lo faranno solo tornare indietro ed essere ucciso comunque, pur essendo un po' più gentile?).

Tuttavia, è elevato dalle grandi prestazioni degli Spidey-nemici di ritorno. Haden Church e Ifans probabilmente hanno meno da fare - a parte le rapide apparizioni alla fine del film, sono quasi interamente realizzati tramite CGI e doppiaggio, anche se ampiamente - e Jamie Foxx è fondamentalmente un Electro completamente diverso, con uno stile soave , senso di sicurezza e un nuovo look (questo è spiegato, leggermente, nel film dal potere del MCU che lo ripristina, o qualcosa del genere).

il cast del punitore 2

Electro, Sandman e Lizard di Spider-Man: No Way Home

Ma Molina e Dafoe hanno dei turni assolutamente da star nei panni dei cattivi originali del film di Spider-Man. Molina ricorda a tutti esattamente perché, 17 anni dopo, i fan erano così disperati di vederlo tornare nei panni del tentacolato Otto Octavius ​​– alternativamente caldo, agghiacciante, minaccioso e avuncolare – anche se è leggermente meno utilizzato mentre il film continua.

E Dafoe, francamente, scappa con tutta la faccenda. Diciannove anni dopo il suo turno come Green Goblin, scivola di nuovo nel ruolo come un paio di vecchie (e presumibilmente verdi) pantofole, facendo rivivere perfettamente la mania, la voce e la fisicità sia di Norman Osborn che della sua metà oscura. Il suo carisma è tale che, nonostante provenga da un altro universo, diventa quasi anche la nemesi di QUESTO Spider-Man, per la pura forza della personalità. Willem Dafoe non aveva bisogno di andare così forte in questo film, ma lo ha fatto.

film disney plus da vedere

È quando questi nemici, inevitabilmente, si rivolgono a Peter che il film entra nel suo potente furlong finale, che più o meno spazza via ogni dubbio sulla prima metà. Sì, è pieno di fan-service, citazioni e personaggi familiari e IP che schiacciano il marchio, ma è anche davvero, davvero buono. Piuttosto che limitarsi a suonare per la folla, i personaggi che ritornano hanno effettivamente profondità e archi, mentre Holland viene messo in modo convincente attraverso lo strizzatore (offre anche una delle sue scene di lacrime soffocate).

Tom Holland in Spider-Man No Way Home

Marvel Studios/Sony Pictures

E dopo una divertente battaglia finale, il tutto si dirige verso un finale davvero devastante. Recentemente, Ho chiesto che l'Uomo Ragno di Holland ricevesse più colpi dalla vita , e ora mi sento quasi in colpa per questo. In effetti, il finale di questo film potrebbe essere un po' troppo cupo, anche se la sua ripresa finale (salvo un paio di scene post-crediti) è perfetta per creare il mito di Spider-Man. Tuttavia, funziona e, nonostante molte apparizioni precedenti, probabilmente guarderemo indietro a questo film come alla vera storia di origine di questa versione di Spider-Man. Andando avanti, sarà affascinante vedere quali altre storie racconteranno con lui.

Considerando quanto ha dovuto fare No Way Home, è impressionante come tutto sia stato realizzato bene. Il regista Jon Watts riesce a riposizionare Spider-Man per il futuro e a destreggiarsi con un enorme cast di personaggi, senza perdere di vista chi sia il personaggio principale o la posta in gioco emotiva al centro del film.

Sì, ci sono un po' troppi 'meme Raimi' che sembrano suonare per la folla, e non tutto funziona. Ma è anche difficile immaginare come avrebbero potuto fare di meglio, anche se conoscevi già tutti i grandi colpi di scena in corso.

Spider-Man: No Way Home è ora nei cinema del Regno Unito. Per ulteriori informazioni, dai un'occhiata alla nostra pagina dedicata alla fantascienza o alla nostra guida TV completa.