Il finale della terza stagione di Sinner ha spiegato: chi è sopravvissuto all'epico finale?

Dramma


La terza stagione del dramma criminale di Netflix The Sinner, con Bill Pullman nei panni del detective Harry Burns, è finalmente arrivata nel Regno Unito, dopo una lunga attesa per i fan britannici della serie.

Questa volta, Ambrose ha un nuovo mistero da risolvere: mentre indaga su un incidente d'auto che si rivela più sinistro e complicato del caso aperto e chiuso che inizialmente sembrava essere.





migliori audiolibri audible

E la stagione è culminata in un'epica resa dei conti nell'episodio finale, con il detective che si trova faccia a faccia con Jamie Burns, interpretato con un effetto terrificante da Matt Bomer.

Ecco tutto ciò che devi sapere su quel finale agghiacciante.

Modifica le tue preferenze per la newsletter

Spiegazione del finale della serie 3 di Sinner

Verso la fine della stagione, Ambrose trova il cadavere di Morris – che è stato appena ucciso da Jamie – e scopre una nota che era stata lasciata nella tasca del cadavere dall'assassino che indicava che Morris era solo la prima di molte vittime previste.

L'elenco includeva anche i nomi di Sonya, Melanie ed Eli, ovvero tutte le persone più vicine ad Ambrose.



Nel frattempo, Jamie ha recuperato Eli dalla sua lezione di karate e si dirige a casa di Sonya. Sonya era stata avvertita della situazione da Ambrose, ma aveva deciso di non fuggire, aspettando invece l'arrivo dell'assassino nel tentativo di dissuaderlo dalla sua follia omicida.

Quel piano fallisce gravemente e Sonya si ritrova in grave pericolo dopo essere stata rovesciata da Jamie, e viene salvata solo dall'arrivo in perfetto orario della polizia, con Jamie costretto a fuggire dalla scena e Sonya scortata al distretto.

In un'inversione del momento precedente, ora Sonya implora Ambrose di non affrontare Jamie da solo, ma i suoi tentativi cadono ugualmente nel vuoto.

Dopo essere fuggito dalla casa di Sonya, Jamie trascorre un po' di tempo nascosto nei boschi prima di tornare a casa per salutare sua moglie e tornare a casa di Ambrose, avvisando il detective della posizione attuale di Eli.

USI

Ambrose si presenta – armato e pronto per la battaglia – e scopre Eli, ma non prima di essere teso un'imboscata da Jamie, che procede a rubargli la pistola e lo costringe dentro dove propone un gioco: ha un indovino con quattro risposte, tre di che dicono che Eli vive e l'altro dei quali segnala la sua morte.

Non sorprende che Ambrose non accolga Jamie su questa offerta, cercando invece ancora una volta di dissuaderlo dal suo complotto omicida, un appello che in questa fase non sembra molto probabile che funzioni.

A questo punto Jamie inizia a prendere in giro il detective e i due si scambiano frecciatine, dopodiché Jamie punta la pistola alla testa di Eli.

Ambrose ora gioca un gioco molto pericoloso: menziona Nick, che ha un chiaro effetto su Jamie e sembra dare al detective più di un vantaggio, poiché sembra chiamare il bluff dell'assassino.

Ma dopo un po' di altro va e vieni e reciproche provocazioni, Jamie diventa sempre più psicotico - puntando la pistola contro Ambrose, poi se stesso, poi lanciandosi verso il detective e sparandogli al braccio.

Ambrose corre nel bosco – dopo aver incitato Eli a fuggire – ed è inseguito da Jamie che ora sembra certo di sparargli di nuovo. Ma prima che possa farlo, il detective lo colpisce alla testa con una pietra, dopo di che entrambi tornano dentro, la scena della resa dei conti finale.

USI

Tornato dentro, Jamie accetta di arrendersi, ma in realtà è un gioco mentale. Non crede veramente che il detective sarà contento di avere Jamie rinchiuso, pensando che il continuo inseguimento dia un significato alla vita di Ambrose, e lo dice al detective.

Ma Jamie ha chiaramente sottovalutato il suo avversario: Ambrose gli spara all'addome, fatalmente, e sembra stordito dalle sue stesse azioni.

Ambrose chiama un'ambulanza e parla con Jamie morente, che lo ammonisce di sparare invece di chiamare rinforzi e nei suoi ultimi istanti tenta di dirsi che non è un uomo cattivo.

Alla fine arriva l'ambulanza, ma è troppo tardi: Jamie è morto e Ambrose è tormentato dal senso di colpa, anche considerando l'idea di costituirsi, anche se alla fine decide di non farlo.

La scena finale si svolge alcune settimane nel futuro e vede Ambrose scoppiare in lacrime nella cucina di Sonya – è chiaro che gli eventi dell'episodio avranno un profondo tentativo su di lui per qualche tempo. Rotola sulla quarta stagione...

La serie 3 di Sinner è ora disponibile su Netflix – controlla le nostre liste di lists i migliori programmi TV su Netflix e il i migliori film su Netfl ix , o vedi cos'altro succede con la nostra guida TV