Recensione di Sex Education stagione 3: una corsa divertente, volgare e piena di gioia

Commedia

Questo concorso è ora chiuso



5,0 su 5 stelle

È stata una lunga, difficile attesa Educazione sessuale fan, che hanno trascorso l'ultimo anno e mezzo a struggersi per il ritorno della commedia drammatica Netflix, ma la terza stagione viene finalmente lanciata il 17 settembre – e inizia immediatamente a recuperare il tempo perduto.

In tipico stile Sex Education, il primo episodio della stagione si tuffa a capofitto in un montaggio di exploit sessuali e ora ci sono tutti. Opportunamente ambientato su I Think We're Alone Now di Tommy James e Shondells, lo spettacolo si apre con un sudato Otis (Asa Butterfield) e una donna misteriosa (la cui identità verrà rivelata in seguito) che appannano i finestrini di un'auto prima di tagliando a personaggi del calibro di Eric e Adam, Ola e Lily, gli insegnanti Colin ed Emily e una miriade di altri personaggi mentre sono tutti all'altezza della prima parte del titolo dello spettacolo.





Proprio come i suoi predecessori, la terza stagione inizia con un inizio caratteristicamente dinamico, riportandoci direttamente nell'azione con la sequenza di sesso liscia, impertinente e a tratti divertente e sciocca (una batteria, un paio di occhiali per la realtà virtuale, un cross trainer ellittico e una maschera luchador fanno la loro comparsa). La sitcom di sesso che tutti conosciamo e amiamo è ufficialmente tornata e ancora una volta ha confermato che è uno spettacolo da guardare meglio senza i tuoi genitori.

Aimee Lou Wood, Emma Mackey e Chris Jenks nell'educazione sessuale

Netflix

Dopo gli eventi frustranti del finale della seconda stagione, che ha visto Isaac Goodwin (George Robinson) cancellare la confessione d'amore di Otis dal telefono di un'inconsapevole Maeve (Emma Mackey), la nuova stagione inizia con un nuovo anno scolastico, anche se molti degli studenti di Moordale sono torniamo ai vecchi trucchi. Otis e Maeve non si parlano ancora, Eric (Ncuti Gatwa) e Adam (Connor Swindells) stanno facendo progressi con la loro relazione romantica, Aimee (Aimee Lou Wood) sta ancora lottando per essere intima con il suo ragazzo Steve dopo l'aggressione sessuale che ha subito. sofferto nella seconda stagione e Jean (Gillian Anderson) è ora gravemente incinta e il suo ex Jakob (Mikael Persbrandt) non è più saggio.

Sebbene inizialmente non sembri che una grande quantità sia cambiata dall'ultima serie, specialmente con gli abiti ambigui nel tempo dei personaggi tornati in forma colorata, ci sono alcune nuove aggiunte allo spettacolo - e non sto solo parlando sui discutibili nuovi baffi di Otis.

Con Moordale in un posto precario a seguito dell'epidemia di clamidia dell'anno prima e con i media che ora lo hanno soprannominato 'The Sex School', ci viene presentata la star di Girls Jemima Kirke nei panni di Hope Haddon, la nuova direttrice in tuta da lavoro di Moordale, la cui atteggiamento apparentemente rilassato e comportamento freddo (puoi chiamarmi Hope, dice agli studenti dopo aver letteralmente ballato la sua strada nelle loro vite) contraddicono le sue politiche scolastiche intransigenti. Immagina che il figlio innamorato di Will Schuester e Sue Sylvester sia cresciuto fino a diventare un'insegnante di scuola secondaria inglese (scusa per il riferimento a Glee).



Jemima Kirke nei panni di Hope nella terza stagione di Sex Education

Netflix

Incontriamo anche Peter, il fratello maggiore di successo e insopportabile dell'ex preside Michael Groff (Alistair Petrie), interpretato dall'eccellente Jason Isaacs, mentre la musicista Dua Saleh si unisce al cast nei panni di Cal, un nuovo studente non binario a Moordale, con entrambi i risultati di Educazione sessuale. debutta.

Lo spettacolo, ancora una volta, fa un ottimo lavoro nel mostrare i suoi personaggi secondari meno visti, che hanno ancora bisogno di consigli sul sesso, in particolare con Otis e Maeve ora in pensione dalla loro clinica. C'è una scena travolgente con protagonista il Dex Thompson di Lino Facioli nella premiere della terza stagione che è un punto culminante particolare.

Per quanto riguarda i nostri preferiti di Moordale, Aimee Lou Wood è sulla buona strada per un altro BAFTA con la sua esibizione nei panni della divertentissima Aimee, i cui riccioli in stile anni '70 stanno ondeggiando accanto a un animale domestico in questa serie dopo che ha adottato una capra con il fidanzato Steve. Atterrando costantemente le sue battute degne di risa mentre esplorava il trauma sessuale di Aimee dopo l'incidente dell'autobus, Wood è ancora una volta un attore importante nella terza stagione. Così come Ncuti Gatwa, che continua a rubare la scena nei panni dell'energico e contagioso Eric, mentre la sua chimica senza sforzo con Asa Butterfield è ancora una forza trainante dietro la commedia drammatica.

C'è ben poco di cui lamentarsi quando si tratta della terza uscita di Sex Education e coloro che hanno amato la prima e la seconda stagione saranno entusiasti dei prossimi episodi, che danno lo stesso tono volgare e raccontano storie altrettanto importanti sull'amore adolescenziale. Con l'epidemia di clamidia di Moordale completamente finita, l'unica cosa che la terza stagione si diffonderà sono momenti commoventi e una quantità non sorprendente di fascino.

Per gestire le tue preferenze email, clicca qui.

La terza stagione di Sex Education arriva su Netflix il 17 settembre: leggi le nostre guide alle migliori serie su Netflix e ai migliori film su Netflix.

Se stai cercando altro da guardare, dai un'occhiata alla nostra Guida TV o visita il nostro hub Drama per tutte le ultime notizie.