Rutger Hauer seziona le sue lacrime iconiche sotto la pioggia Il monologo di Blade Runner

Sci-Fi
quale personaggio di star wars sei

Rutger Hauer ha visto cose che voi persone non credereste.

Tempeste che si infrangono sul ponte mentre attraversava l'oceano, a soli 15 anni. Cascate di flash che scoppiano nelle cerimonie del tappeto rosso di tutto il mondo. Quella volta ha interpretato un vagabondo con un fucile a pompa in Hobo With a Shotgun.

Eppure, alla fine, tutti quei momenti andranno persi nel tempo, perché nonostante la sua incredibile vita e la sua intensa carriera, Hauer sarà probabilmente sempre ricordato per un mini-monologo di 50 secondi e 42 parole che ha recitato sullo schermo nel 1982, quando stava interpretando il fuggiasco replicante sintetico Roy Batty nell'iconico film di fantascienza di Ridley Scott Blade Runner.

Presentato nei suoi ultimi istanti mentre uno stordito Rick Deckard (Harrison Ford) guarda, il monologo (sotto) è passato alla storia come uno dei soliloqui più commoventi del cinema – tanto più sorprendente dato che Hauer ha finito per scriverne una parte se stesso la sera prima delle riprese, tagliando parti della sceneggiatura originale prima di aggiungere la commovente frase finale del discorso (anche se non, come spesso viene erroneamente affermato, improvvisandola sul set).

Ho visto cose che voi persone non credereste. Attacca le navi in ​​fiamme al largo di Orione. Ho visto i raggi C brillare nel buio vicino al Tannhäuser Gate. Tutti quei momenti andranno persi nel tempo, come... lacrime sotto la pioggia. Tempo di morire.

Nonostante le sue molte belle qualità, il nuovo sequel Blade Runner 2049 non ha nulla per toccare la pura poesia di questa scena, ma la sua uscita fornisce la scusa perfetta per rivisitare il quasi leggendario monologo di Hauer, che sono riuscito a discutere con l'uomo stesso qualche tempo fa quando stava promuovendo altri progetti.

L'ironia è che tutto ciò che ho fatto in Blade Runner è stato... e non sto dicendo che non sia niente, ma è così poco, dice Hauer della scena che più o meno ha fatto la sua carriera.

film della serie Resident Evil

Ho tenuto due righe, perché pensavo fossero poetiche. pensavo che loro apparteneva a questo personaggio, perché da qualche parte nella sua testa digitale ha la poesia, e sa cos'è. Lo sente! E mentre le sue batterie stanno andando, esce con le due linee.

Le linee a cui si riferisce sono le navi d'attacco e i commenti dei raggi C nel discorso finito, che originariamente facevano parte di una bozza più lunga della sceneggiatura a cui Hauer ha preso un coltello dopo aver deciso che questo tipo di discorso era troppo operistico per una creatura fabbricata come Roy.

Sai, penso che molti copioni vengano sovrascritti, dice.

Le cose sovrascritte provengono dallo scrittore e da tutti i dirigenti, ma il pubblico può sentirlo, e anche il miglior attore non può vendermi con un linguaggio che viene sovrascritto. Sono fottutamente allergico a quello. OK?

Quindi, guardo la sceneggiatura e guardo la mia parte, perché non voglio toccare le parti di nessun altro. Rado tutto ciò di cui sento che non hai bisogno.

[In Blade Runner] Ridley mi ha dato tutta la libertà, perché voleva che fosse una storia guidata dai personaggi. Non aveva mai fatto un film incentrato sui personaggi, spiega Hauer.

Ha detto: 'Questo è quello che voglio fare: portami tutto ciò che puoi inventare, e lo accetterò se mi piace'.

È stata l'ultima aggiunta di Hauer alla sceneggiatura - le lacrime nella linea della pioggia - che ha davvero sigillato lo stato del discorso; il giorno stesso delle riprese, i membri della troupe avrebbero applaudito e pianto quando la scena era stata completata.

Per la linea finale speravo di trovare una linea in cui Roy, perché capisce di avere pochissimo tempo, esprime un pezzetto del DNA della vita che ha sentito, dice Hauer.

la pelle di roccia fortnite

Quanto gli è piaciuto. Una sola vita.

Rutger Hauer nel 2014

Più di 30 anni dopo, Hauer afferma che è ancora la cosa su cui gli viene chiesto di più nelle interviste. Mentre per alcuni attori potrebbe essere irritante essere continuamente interrogato su una citazione di fantascienza consegnata decenni fa, lui non la vede in questo modo, forse a causa del suo coinvolgimento personale nella sua creazione.

La ricompensa è stata così lunga, dice. Se la gente pensa: 'Ti stanchi di questo?' No, certo che no! È stupefacente.

Tutto quello che ho fatto è stato scrivere una riga, ho modificato e ho trovato una riga. Questo è il poeta in me - questo è il mio poeta, lo possiedo. Grande!

orologio occhio di falco

Fa una pausa.

E poi per quella linea avere delle ali così fottute – riesci a immaginare come ci si sente?

Abbastanza incredibile, scommetto.

Questa intervista è stata pubblicata per la prima volta il 5 ottobre 2017