Pedro Pascal sul reboot della terza stagione di Narcos: è terrificante

Dramma


Non ci sono molti volti familiari nella terza stagione di Narcos. L'agente della DEA Steve Murphy, interpretato dall'attore Boyd Holbrook, ha lasciato definitivamente la Colombia, mentre il magnetico Pablo Escobar di Wagner Moura è... beh, se hai seguito le prime due stagioni, saprai cosa gli è successo.

Quindi, chi lo farà? riconosciamo nell'ultima stagione di Narcos su Netflix ?





Javier Pena per esempio, l'agente che ha ostinatamente seguito il suo obiettivo attraverso due stagioni della storia di Netflix sulla caccia al re della cocaina Escobar. È lui l'anello della catena, che ci introduce nella nuova era del traffico di droga che emerge dopo la caduta di Escobar.

L'attore Pedro Pascal, che interpreta Pena nella serie, afferma di essere rimasto sorpreso come chiunque altro quando ha realizzato che la storia non sarebbe finita con Escobar.

Ero preparato per due stagioni, dice. Ma far parte della terza stagione è stata una completa sorpresa; il mio personaggio Javier Pena ha effettivamente lasciato la Colombia sei mesi dopo la morte di Pablo Escobar.

Tuttavia, mentre il personaggio del vero agente della DEA Pascal è basato sulla sinistra del campo, nella serie di Netflix Pena continua a guidare l'operazione contro i cartelli della droga colombiani. Oltre ad essere uno dei pochi personaggi rimasti delle prime due stagioni, Pascal assume il ruolo di narratore dello show, spiegando cosa succede dopo quella drammatica sparatoria sul tetto.

lui è adesso il voce dello spettacolo - e lui sente la pressione.



È terrificante, perché il mondo di Narcos che Netflix ci ha presentato è stato narrato da Boyd, interpretato da Wagner Moura, e tutti se ne sono innamorati. Ora prenderò tutta la merda se alla gente non piace.

Questo non vuol dire che non crede nella direzione in cui sta andando la serie. L'episodio uno della terza stagione introduce gli spettatori al cartello di Cali, l'organizzazione criminale che riempie il vuoto lasciato da Escobar.

Infatti, come spiega Pascal, questi nuovi cattivi non si limitano a sostituire le operazioni di Escobar: li travolgono, diventando la più potente organizzazione internazionale di narcotraffico della storia secondo un vero rapporto della DEA del 1994.

È ingenuo da parte di tutti noi credere che la storia finisca con Escobar. La gente ha continuato a fare cocaina ovviamente, ma quello che c'è da imparare su Cali ti lascerà a bocca aperta, stuzzica Pascal.

Il cartello di Cali è un animale completamente diverso; questi sono quattro uomini molto potenti che sono integrati nella società che controllano. Le loro mani sono in ogni tasca di quella società. È un'esistenza molto più insidiosa e molto più difficile da combattere.


Chi sono il cartello di Cali? Incontra i nuovi signori della droga nella terza stagione di Narcos


Pascal indica un esempio particolare del potere di Cali, che ha appreso durante la preparazione per la terza stagione. Il controllo del cartello si estendeva alla flotta di tassisti operanti nella città di Cali, i cui autisti avrebbero segnalato eventuali individui sospetti in entrata o in uscita dalla città. Il New York Times hanno riferito di come hanno usato radio e videofoni con codifica vocale per comunicare con la rete di sicurezza dei boss della droga, un livello di sorveglianza quasi ossessivo che ha portato al loro soprannome 'The Cali KGB'.

tv lg o samsung

Conoscevano ogni individuo che veniva e lasciava Cali, dice Pascal. Hanno trovato un modo per controllare i taxi e registrare tutto ciò che accadeva nei loro taxi. Ero tipo, 'È davvero spaventoso, ma wow è anche fottutamente intelligente'. Nessuna pietra da capogiro.

Davvero intelligente e davvero brutale.

Quando giravamo a Cali sentivi delle storie, dice Pascal del suo tempo in cui girava Narcos in Colombia. Saresti stato portato in un luogo da un autista che era di Cali e ti avrebbe detto: 'Sì, vedi questo stagno? L'hanno riempito di alligatori così avrebbero mangiato i resti delle loro vittime.'

Oh sì, Narcos non è a corto di storie tristi da raccontare, anche dopo aver ucciso il suo grande cattivo delle prime due stagioni.

È una storia che ci sta col fiato sul collo; è così recente. Quando abbiamo attori colombiani che interpretano parti colombiane, lo hanno vissuto tutti. Avevano tutti una relazione diretta con quel capitolo della storia colombiana. Uno zio morto, un parente rapito, racconta Pascal.

Pensare che Narcos finisca con Escobar è folle. Se solo.

La terza stagione di Narcos è ora disponibile per la visione su Netflix