Recensione delle origini: il nuovo dramma fantascientifico di YouTube è Passengers meets The Thing

Sci-Fi


Scrivere una recensione per Origin è un'esperienza insolita.

margaret campbell foto fellatio

Potrei spiegare che lo spettacolo è una nuova serie di fantascienza con Tom Felton e Natalia Tena disponibile per lo streaming su YouTube (sì, anche YouTube sta facendo un Netflix in questi giorni).





Potrei dirti cosa succede nella scena iniziale o come lo spettacolo introduce il suo grande cast.

  • Hermione e Malfoy sono amici?! Emma Watson pubblica una foto della riunione in spiaggia con il co-protagonista di Harry Potter Tom Felton
  • Draco Malfoy ha una riunione di Harry Potter nel primo trailer della serie YouTube Origin
  • Rimani aggiornato con la newsletter di RadioTimes.com

Ma tutto questo, francamente, sembra un po' strano quando puoi semplicemente scorrere verso il basso questo articolo e guardare i primi due episodi gratuitamente nel player qui sotto. Vedere? È proprio lì, proprio sotto i link...

C'è, suppongo, una cosa con cui questa recensione può aiutare. Per guardare il resto della serie dovrai pagare per abbonarti a YouTube Premium.

Quindi, lo spettacolo vale la tariffa?



Francamente, questo dipende dalla tua tolleranza per alcune cose: flashback in stile Lost, molte persone che si urlano con rabbia e un'incredibile quantità di spaventi da salto, tutto ciò che Origin ha a palate mentre i nostri eroi navigano su un'astronave abbandonata e pericolosa.

La trama è fondamentalmente un incrocio tra il film di Jennifer Lawrence Passengers e il classico horror fantascientifico The Thing. In un viaggio interstellare dalla Terra futuristica a una nuova colonia umana, un gruppo di passeggeri si sveglia presto, trovando l'astronave abbandonata (a parte loro stessi) e danneggiata dopo un misterioso incidente.

Tra i sopravvissuti ci sono Logan (Tom Felton), un uomo sfacciato dall'accento indeterminato e un oscuro segreto, Katie (Siobhan Cullen) la cui caratteristica principale sembra essere l'essere irlandese e un po' gentile, Eric (l'attore islandese Jóhannes Haukur Jóhannesson) che è lo stesso ma per la Scandinavia, Lee (Adelayo Adedayo), uno scontroso hacker adolescente dal Regno Unito, e Baum (Philipp Christopher), un tipo impulsivo che tira fuori i pettorali abbastanza presto.

È un grande cast (non li ho menzionati tutti qui), e mentre gli sfortunati mattinieri esplorano la nave deserta, diventa chiaro che un membro del gruppo potrebbe essere coinvolto in qualsiasi minaccia intergalattica abbia causato i problemi della nave, e potrebbe non essere umano (da qui il paragone con La Cosa). Di chi possono fidarsi quando si sono appena conosciuti?

Nel frattempo, aiutandoci a capire chi noi ci si può fidare sono i flashback dei personaggi (un personaggio per episodio) che spiegano perché hanno scelto di lasciare la Terra in primo luogo, a cominciare dall'ex scagnozzo della Yakuza Shun (Sen Mitsuji) nel primo episodio e seguito da Lana di Natalia Tena nel secondo.

Basati sui primi due episodi, questi flashback hanno risultati diversi: la storia di Shun è avvincente, ma senza rivelare nulla, quella di Lana la fa sembrare una deficiente, incline a prendere decisioni terribili. Oh, e continua a prendere decisioni terribili anche nella sua nuova situazione.

Tuttavia, non è certo colpa sua, perché proprio come il resto dei personaggi che recita secondo le regole dei film dell'orrore: comportarsi nel modo più stupido possibile in ogni situazione, dividersi per cercare aree deserte, liberare i mostri senza motivo, reagire estremamente all'imprevisto. le apparizioni dei tuoi alleati (ci sono un sacco di allarmi da salto in cui sono solo le persone che girano gli angoli) e si accendono a vicenda in un attimo.

Questi tropi dei film horror sono sicuramente alcune delle parti più frustranti di Origin, e mi sono ritrovato a roteare gli occhi dopo il settimo spavento di salto, ma ci sono sicuramente alcuni aspetti positivi da trovare anche qui.

Il giovane scrittore britannico Mika Watkins ha creato un intrigante senso di mistero a bordo di questa micidiale astronave, e la scala della serie, che si estende dalla futuristica Tokyo ai confini dell'universo, è davvero impressionante, così come gli effetti speciali di prim'ordine.

Nel complesso Origin è un filato fantascientifico abbastanza decente e divertente che difficilmente ti rimarrà in mente una volta che hai finito di guardarlo. Se questo è abbastanza per convincere chiunque a iscriversi ancora un altro il servizio di streaming è un'altra cosa.

netflix offline iphone

Origin è ora in streaming su YouTube premium