Margaret Thatcher batte Beyoncé e Bridget Jones nella classifica dei 70 anni di potere di Top Woman's Hour

Attualità


Si ritiene che l'ex primo ministro britannico Margaret Thatcher abbia avuto un'influenza più potente sulla nazione rispetto a Beyoncé e Bridget Jones.

Il defunto politico è in cima alla lista del potere delle donne di Radio 4, che mira a celebrare le sette donne che hanno avuto il maggiore impatto sulla vita delle donne negli ultimi sette decenni.





L'annuncio sarà fatto mercoledì in un programma registrato durante un ricevimento a Buckingham Palace a cui ha partecipato la Duchessa di Cornovaglia e in occasione delle celebrazioni per il 70° anniversario di Woman's Hour.

In una Power List prima, il personaggio immaginario, Bridget Jones ha anche fatto gli ultimi sette, così come la cantautrice americana Beyoncé e l'accademica femminista Germaine Greer.

La Power List 2016 mira a riconoscere i successi delle donne nei 70 anni di storia del programma e per la prima volta le donne che non vivono più sono state prese in considerazione per un posto nella lista. Anche quelli al di fuori del Regno Unito sono stati considerati se il loro impatto qui potesse essere dimostrato.

Nel decidere gli ultimi sette nomi, i giudici hanno considerato il lavoro di una donna o il suo ruolo come catalizzatore del cambiamento negli ultimi 70 anni, così come quelli che hanno un impatto oggi.

La giuria di quest'anno è stata presieduta ancora una volta da Emma Barnett, giornalista e presentatrice di BBC 5Live Daily con giudici composti da: Karren Brady, business leader e pari a vita; Ayesha Hazarika, ex consigliere e commentatore laburista; Abi Morgan, sceneggiatrice pluripremiata (The Iron Lady e Suffragette); Jill Burridge, ex direttrice di Woman's Hour; e Julia Hobsbawm, fondatrice di Editorial Intelligence.



previsioni irlanda azerbaigian

La Woman's Hour Power List è stata lanciata nel 2013 e presentava le 100 donne più potenti del Regno Unito ed era guidata dalla regina. Nel 2014 l'elenco si è concentrato su dieci 'Game Changers' con la baronessa Doreen Lawrence al primo posto. L'anno scorso il tema era 'Il potere di influenzare' con il primo ministro scozzese Nicola Sturgeon in testa alla lista.

Le sette donne nella classifica finale della Woman's Hour Power List 2016 sono le seguenti...


1. Margaret Thatcher – Prima donna Primo Ministro britannico (1979-1990) e leader del Partito Conservatore (1975-1990)

I giudici dicono: Amarla o odiarla, è difficile pensare a un'altra donna che abbia avuto un impatto maggiore sulle donne britanniche della baronessa Margaret Thatcher negli ultimi sette decenni. Chiunque sia nato negli anni '80, e da allora in poi, è cresciuto pensando che fosse normale per una donna governare il paese; chiunque avesse più di 18 anni mentre era in carica era plasmato dal suo stile di leadership e dalle sue politiche intransigenti. In effetti un'intera generazione di femminismo femminile si è formata in diretta rappresaglia nei suoi confronti.


2. Helen Brook – Nel 1964 fondò i Brook Advisory Centers che offrivano consigli sulla contraccezione alle donne non sposate

I giudici dicono: Penso che il più grande cambiamento [degli ultimi 70 anni] sia stato probabilmente la contraccezione, che ha permesso alle donne di pensare a ciò che facevano e alle scelte che avevano, in termini di restare a casa o scegliere di sviluppare la propria carriera


3. Barbara Castle - Deputato laburista per Blackburn (1945-1979), introdotto l'Equal Pay Act nel 1970

I giudici dicono: Sarebbe criminale non inserire Barbara Castle in quella lista. Ogni trattativa che ho mai avuto, so di averla sostenuta con ciò che ha messo nella legislazione.

personaggi suicide squad

4. Germaine Greer - Scrittrice australiana, riconosciuta come una delle maggiori voci del movimento femminista, ha pubblicato The Female Eunuch nel 1970

I giudici dicono: È una guerriera per me - è una persona che è andata in prima linea nel femminismo e ha detto di portarlo avanti.

tutto o niente arsenale

5. Jayaben Desai - Leader di spicco degli scioperanti nella disputa Grunwick a Londra nel 1976, che si batteva contro i salari bassi e le cattive condizioni per le lavoratrici

I giudici dicono: Ha evidenziato la difficile situazione delle donne a basso salario, dei lavoratori immigrati, del razzismo, del riconoscimento sindacale, ma anche della dignità, dell'umanità e dei diritti umani fondamentali.


6. Bridget Jones – Il diario di Bridget Jones pubblicato da Helen Fielding nel 1996

I giudici dicono: Venticinque anni fa ha inaugurato la voce di una donna che racconta la propria banalità e la propria complessità.


7. Beyoncé - cantautrice americana

I giudici dicono: Penso che Beyoncé sia ​​riuscita a fare due cose. Si è trasformata in un marchio commerciale di grande successo, ma con ciò ha anche lanciato un messaggio femminista piuttosto positivo, fin dall'inizio. In particolare ora si sta spostando nelle relazioni razziali parlando della questione delle vite dei neri. E anche dal punto di vista della bellezza, essere una donna di colore che viene additata come un'icona di bellezza globale in un momento in cui la bellezza e la cultura pop sono ancora molto bianche.

Il programma di rivelazione della Woman's Hour Power List andrà in onda mercoledì 14 dicembre alle 10 su BBC Radio 4