Recensione della quarta stagione di The Last Kingdom: i tempi stanno cambiando

Dramma


4,0 su 5 stelle

La terza stagione di The Last Kingdom ha fornito un vero senso di finalità. Sembrava il capitolo conclusivo di una trilogia, che concludeva le storie di diversi personaggi tra cui lo stesso re Alfred, la cui complicata relazione con Uhtred di Bebbanburg era stata una parte importante di questa serie fin dall'inizio. Di conseguenza, la quarta stagione era destinata a essere un momento decisivo per The Last Kingdom, ma fortunatamente lo spettacolo si è fermato all'atterraggio, con una piccola oscillazione.

In un modo del tutto appropriato per il suo protagonista, The Last Kingdom marcia senza paura in questa nuova era scoraggiante con un primo atto frenetico. Alla fine, Uhtred decide di tornare a Bebbanburg, la terra che gli spetta per diritto di nascita, dopo aver saputo che è stata indebolita dai persistenti attacchi degli scozzesi. Ma quando le cose non vanno esattamente secondo i piani, si ritrova coinvolto nel sanguinoso conflitto tra sassoni e danesi, mentre il destino dell'Inghilterra è in bilico.





C'è un'abbondanza di spade oscillanti e teste mozzate in questa salva di apertura, che termina con una battaglia brutale e ambiziosa nel quarto episodio. Anche se dura meno di 10 minuti, la sequenza è innegabilmente impressionante nella sua portata e nella sua coreografia di combattimento, con una tensione avvincente e conseguenze significative avvertite per tutto il resto della stagione. Ma all'indomani di questa schermaglia climatica, la serie si sente un po' meno sicura di sé stessa mentre traccia dove andare dopo.

The Last Kingdom ha sempre funzionato con più antagonisti per stagione, ma la transizione tra di loro è stata in precedenza molto più fluida di quella che vediamo qui. Invece, c'è un leggero ritardo nello stabilire la prossima grande minaccia poiché l'attenzione si sposta sui litigi politici, che iniziano a trascinarsi mentre alcuni personaggi si scontrano ripetutamente sullo stesso problema. Fortunatamente, la serie può superare questo momento difficile grazie alla forza dei suoi personaggi, prima di riunirsi per un finale forte.

Alexander Dreymon rimane infinitamente guardabile nei panni di Uhtred di Bebbanburg, mentre anche la sua affascinante banda di furfanti merita lodi come eroi non celebrati dello show. C'è un cameratismo tra Finan (Mark Rowley), Sihtric (Arnas Fedaravičius) e Osferth (Ewan Mitchell) che sembra completamente genuino e viene utilizzato perfettamente nei momenti di benvenuto comico. La loro banda disordinata è così simpatica che ti viene da trattenere il respiro ogni volta che vengono messi in pericolo, soprattutto data la reputazione di The Last Kingdom per uccidere i personaggi.

Netflix

Nel Wessex, la quarta stagione offre ad alcuni personaggi la possibilità di uscire dall'ombra di Alfred. Il neo incoronato re Edoardo (Timothy Innes) affronta la sfida di essere all'altezza dell'eredità di suo padre, ma il suo fragile ego porta spesso a esplosioni petulanti verso coloro che si prendono più cura di lui. Dare seguito alla performance stellare di David Dawson nei panni di Alfred non è un compito da poco, ma Innes ha ampiamente successo, anche se come un tipo di sovrano molto diverso. Edward non percorre il confine tra eroe e cattivo con la stessa grazia di suo padre, spesso atterrando piuttosto saldamente dalla seconda parte.

Nel frattempo, Lady Aelswith fatica a venire a patti con la perdita della sua influenza nel palazzo, costringendola a confrontarsi con le decisioni discutibili che ha preso una volta. Eliza Butterworth offre un'altra forte interpretazione nel ruolo, mostrando un lato più simpatico che risuona davvero.



Senza dubbio, il personaggio che si sente più radicalmente cambiato nel salto temporale tra la terza e la quarta stagione è Brida (Emily Cox). Anche se ha sempre avuto una passione per la battaglia e un disgusto per i sassoni, è notevolmente più crudele e assetata di sangue di prima, forse a causa della sua continua relazione con il malvagio guerriero Canuto. È una progressione naturale per il personaggio, ma è triste vedere Brida allontanarsi dall'essere un antieroe con un atteggiamento in favore di diventare un vero cattivo.

The Last Kingdom introduce una serie di nuovi membri del cast nella quarta stagione, ma i figli di Uhtred erano di gran lunga i più importanti da fare. Ora nella loro adolescenza, Young Uhtred (Finn Elliot) e Stiorra (Ruby Hartley) sono ottime aggiunte alla crescente tradizione della serie, sfidando il padre in modi distinti con i loro percorsi di vita opposti. Nel frattempo, Stefanie Martini e Jamie Blackley interpretano fratelli intriganti che tentano di tornare alla vita nobile sfruttando l'ego di Aethelred. Inizialmente, questa sottotrama sembra un po' fuori luogo, ma entrambi trovano il loro punto d'appoggio man mano che diventano più centrali nella storia che si sta svolgendo.

Se la terza stagione sembrava un possibile finale per The Last Kingdom, la quarta stagione inaugura una nuova era per la serie che la prepara per molte altre storie. Di conseguenza, il ritmo a volte sembra meno urgente man mano che vengono introdotti e posizionati nuovi personaggi, ma ti assicuriamo che ci sono molti altri momenti scioccanti per tenerti agganciato. Il destino è tutto!

  • In che modo The Last Kingdom è diverso dai libri?
  • Riepilogo di The Last Kingdom: cosa è successo nelle stagioni 1-3?

La stagione 4 di The Last Kingdom è ora in streaming su Netflix: dai un'occhiata al nostro elenco delle migliori serie TV su Netflix, oppurecontrolla cos'altro c'è con il nostroguida tv

your honor quando va in onda