Kris Marshall dice addio a Death in Paradise e spiega perché ha dovuto andarsene

Dramma


alchimia gioco soluzioni

Alcune notizie importanti se hai intenzione di far fuori qualcuno. Fate presto: l'ispettore Humphrey Goodman, probabilmente il poliziotto omicida di maggior successo al mondo, sta tornando nel Regno Unito.

Sì, Humphrey, il simpatico detective di Death in Paradise, sta preparando la sua giacca di lino e sta tornando a casa. Perché? Perché, dopo quattro serie, Kris Marshall ha deciso che semplicemente non è più pratico trascorrere sei mesi all'anno a 4.000 miglia di distanza in Guadalupa, l'isola paradisiaca che fa anche da Saint Marie.





  • Incontra la nuova star di Death in Paradise Ardal O'Hanlon: con me, stanno cercando qualcosa di un po' bizzarro
  • Quando tornerà Death in Paradise per la serie 7?
  • La Brexit potrebbe minacciare il futuro di Death in Paradise avverte il creatore dello show

Quando la tua casa è nel Somerset, il tuo lavoro è nei Caraibi e il tuo figlio maggiore ha raggiunto l'età scolare, qualcosa deve dare. Il figlio della star, Thomas, era un bambino quando Marshall si è unito alla serie di successo. Ma ora che il bambino sta iniziando la scuola - e ha una sorellina, Elsie - Marshall ha deciso che non può continuare a trasportare tutta la sua famiglia ai Caraibi.

La star di 43 anni dice: Ogni anno, tranne l'anno scorso, abbiamo portato Thomas fuori con noi. L'unico motivo per cui non sono usciti l'anno scorso è stato perché mia figlia è nata e aveva solo tre mesi quando sono iniziate le riprese. Thomas ha praticamente passato metà della sua vita nei Caraibi. Ogni anno frequentava lo stesso asilo nido in Guadalupa. Ma ora è il momento per lui di mettere le catene scolastiche e mettersi in riga.

Il che spiega perché un nuovo investigatore sta prendendo il posto di Humphrey: DI Jack Mooney, interpretato dalla star di Padre Ted Ardal O'Hanlon. La decisione di andarsene non è venuta fuori dal nulla, dice Marshall. I produttori conoscevano i suoi piani da tempo.

È qualcosa che io e mia moglie abbiamo discusso tre o quattro anni fa. Quando mi è stato offerto il lavoro per la prima volta, mio ​​figlio aveva sei mesi e mia moglie non lavorava, quindi è stata una decisione molto semplice. Abbiamo deciso che avrei fatto Death in Paradise per alcuni anni finché non sarebbe diventato impraticabile. È sempre stata una cosa piuttosto finita. Di certo non l'ho nascosto a nessuno con cui lavoro.



Nuova scopa: la nuova star di Death in Paradise Ardal O'Hanlon come DI Jack Mooney Moon

In effetti, Marshall ha dato un grande suggerimento quando si è unito allo show per la prima volta, dicendo a RT nel 2014: se hai bambini in età scolare, deve essere incredibilmente difficile stare lontano.

Questa non è, ovviamente, la prima volta che un uomo nuovo prende il timone alla stazione di polizia di Saint Marie. Quando la serie è iniziata nel 2011, Ben Miller era nel ruolo principale di DI Richard Poole. Miller ha passato il testimone a Marshall dopo due serie: anche lui stava lottando con lo stress di una giovane famiglia.

Nel corso della sua vita, lo spettacolo è cresciuto e cresciuto. La prima serie ha attirato una media di 5,8 milioni di telespettatori. Abbastanza buono, ma confrontalo con la cifra attuale: il primo episodio di questa serie ha portato a 9,2 milioni, se includi le persone che lo hanno visto su iPlayer.

Marshall dice che non ci sono segreti per il suo successo. L'ultima volta che gli ho parlato, l'ha descritto come un incrocio tra Columbo e Scooby-Doo. Certo, il sole è una spinta in più nel bel mezzo di un freddo e grigio inverno britannico. Ma la cosa principale è che il drama non finge di essere qualcosa che non è. Non ci prendiamo troppo sul serio. Alla gente piace sorridere e a loro piace un cappero. Ed è quello che siamo: un furto criminale.

Questioni familiari a parte, gli amici di Marshall devono pensare che sia pazzo a rinunciare a un lavoro che prevede di passare sei mesi all'anno su alcune delle spiagge più belle del mondo? Sì, alcune persone pensano che io sia pazzo, ovviamente. E c'è un vecchio adagio, 'Non chiudere un colpo', che è molto vero. Mi mancherà terribilmente. Ci sono già state volte in cui ho pensato tra me e me: 'Ho preso la decisione giusta?'

Come hanno affrontato gli sceneggiatori la partenza di Humphrey? Marshall non vuole rovinare nulla, ma gli spettatori sanno già che un'inchiesta per omicidio ha portato Humphrey a Londra, dove si ritrova a lavorare al fianco del personaggio di O'Hanlon. Sappiamo anche quanto sia stato doloroso quando la ragazza di Humphrey, Martha, è tornata nel Regno Unito. È il romanticismo che spinge Humphrey a restare a Londra?

Marshall è timido. Ci sono una miriade di ragioni. Di cui quello potrebbe essere uno.

Chiedo a Marshall che consiglio ha dato al suo successore. La sua risposta ruota intorno al caldo. Quando stanno filmando all'aperto, può arrivare fino a 40 gradi Celsius. E le scene al chiuso sono spesso ancora più insopportabilmente calde, soprattutto perché Humphrey indossa sempre una giacca per lavoro (a differenza dei veri poliziotti della Guadalupa, che sono tutti in maniche corte).

Ho dato ad Ardal lo stesso consiglio che Ben [Miller] ha dato a me, in realtà. Quando stai filmando la grande scena finale alla fine, assicurati di conoscere le tue battute al contrario. Perché filmiamo tutto in un giorno e altrimenti il ​​caldo inizia ad arrivare a te.

In secondo luogo, fai sempre i tuoi scatti al mattino, prima che il caldo diventi troppo forte. Poi, dopo pranzo, accendono le telecamere sugli attori ospiti e tu puoi guardarli mentre friggono!

Il detective di O'Hanlon, DI Jack Mooney, sarà molto diverso da Humphrey? Beh, è ​​irlandese, tanto per cominciare. Quindi questo fa un po' di differenza. Il suo personaggio è molto più aneddotico, quindi il modo in cui affronta le cose è diverso. È anche rimasto vedovo di recente e ha una figlia sulla ventina. Quindi questa è una dinamica completamente diversa.

Marshall aggiunge che non ero presente quando ha messo i suoi veri piedi da poliziotto sotto il tavolo, ma sento voci preoccupanti dalla Guadalupa che non indossava una giacca. Il che mi sconvolge molto: possiamo farlo tutti senza giacca. In questo modo, è semplicemente facile. Allora è davvero solo una vacanza.

Questa intervista è stata originariamente pubblicata nel numero dell'11-17 febbraio 2017 della rivista Radio Times