Il nemico invisibile

Doctor Who Guide Who


Stagione 15 – Storia 93

È diritto di ogni creatura dell'universo sopravvivere, moltiplicarsi e perpetuare la propria specie. In quale altro modo esiste il predatore? – il Nucleo





Trama
Un virus intelligente – il Nucleo dello Sciame – infetta il Dottore a bordo del Tardis, che atterra sulla luna di Saturno Titano intorno all'anno 5000 d.C.. Anche il personale di una stazione di rifornimento e una squadra di soccorso della navetta che arriva lì sono contaminati. Prima di cadere in coma, il Dottore istruisce Leela su come pilotare il Tardis su un asteroide dell'ospedale locale. Qui il Professor Marius, assistito dalla sua banca dati personale, K•9, clona i viaggiatori del tempo e li inietta nel flusso sanguigno del Dottore per combattere il parassita...

Prime trasmissioni
Parte 1 – Sabato 1 ottobre 1977
Parte 2 – Sabato 8 ottobre 1977
Parte 3 – Sabato 15 ottobre 1977
Parte 4 – Sabato 22 ottobre 1977

Produzione
Riprese: aprile 1977 ai Bray Studios
Registrazione in studio: aprile 1977 in TC6

Cast
Doctor Who – Tom Baker
Leela – Louise Jameson
Voce di K•9 – John Leeson
Professor Marius – Frederick Jaeger
Lowe – Michael Sheard
Safran – Brian Grellis
Meeker – Edmund Pegge
Silvey – Jay Neill
Parsons – Roy Herrick
La nutrice di Marius – Elizabeth Norman
Oftalmologo – Jim McManus
Cruikshank – Roderick Smith
Siepi – Kenneth Waller
Dottore - Pat Gorman
Infermiera della reception – Nell Curran
Crewman – Anthony Rowlands
Nucleo – John Scott Martin
Voce del nucleo – John Leeson

Equipaggio
Scrittori – Bob Baker, Dave Martin
Musica incidentale – Dudley Simpson
Designer – Barry Newbery
Redattore della sceneggiatura – Robert Holmes
Produttore – Graham Williams
Direttore – Derrick Goodwin



RT Recensione di Mark Braxton
Dopo la nebbia e i cadaveri del ritorno al passato di Hinchcliffe, Horror of Fang Rock è arrivato un netto contrasto e una nuova direzione: un Poundland Star Wars infantile.

Sotto un'inequivocabile istruzione dall'alto, al nuovo produttore Graham Williams è stato detto di attenuare la violenza del programma e di aumentarne l'umorismo. Forse anche influenzato dalla sensazione globale di Luke Skywalker e compagni al cinema, Williams ha sparato tutte le pistole. Se solo le pistole sembrassero funzionanti...

Un'uscita ricca di effetti, The Invisible Enemy si apre in modo tale da dimostrare gli svantaggi di un tale approccio al dramma a budget ridotto. La prima inquadratura di un colorato campo di stelle è impressionante; sfortunatamente il secondo è di un'astronave che si fa strada traballando attraverso un campo di asteroidi.

snowpiercer netflix attori

Ad essere onesti, molti degli effetti sono eccellenti. Tali erano i requisiti di questa mini opera spaziale che erano necessari due designer VFX invece di uno. Mentre Tony Harding aveva solo tre settimane per creare K•9 per la prima sessione in studio, Ian Scoones ha utilizzato i Bray Studios piuttosto che i palchi della BBC per filmare le sequenze del modello. Il che potrebbe spiegare perché le eccellenti sequenze di basi di Titano assomigliano al genere di cose che Brian Johnson stava creando per Space: 1999.

Sfortunatamente, per ogni scena di una navetta che scende dolcemente sotto terra, c'è una nave che volteggia fuori controllo che sembra un rotolo di carta igienica spinto giù da una corda. Ed ecco qua: successo e fallimento in giustapposizione precaria. È evidente non solo negli effetti speciali, ma nell'ambizione del serial nel suo insieme.

l'uomo della formica e la vespa dopo il credito

Una stazione spaziale, l'interno della navetta, l'ospedale spaziale, una nuova sala di controllo del Tardis, l'interno di un cervello... Il racconto scatenato di Baker e Martin tira fuori il meglio dal designer veterano Barry Newbery, che fa uno splendido lavoro. Mi piace particolarmente la corruzione linguistica che ha portato a cartelli che dicono ISOLAYSHUN e EGSIT.

Ma alcune delle azioni che si svolgono all'interno dei set sono incredibilmente incompetenti. In una scena, un essere umano infetto spara con la sua pistola, a bruciapelo ma ancora inefficace, contro K•9, che in cambio spara un raggio laser parzialmente visibile sui genitali dell'uomo. L'uomo si afferra l'inguine, sposta accidentalmente una colonna di marmo presumibilmente rigida e crolla, calciando la colonna di qualche centimetro in più per buona misura. Solo sei secondi ma un disastro totale dall'inizio alla fine.

Per fortuna il programma dà il bentornato a un paio di persone anziane per ancorare i lavori. Frederick Jaeger, così eccellente in Planet of Evil, qui interpreta l'affettuoso professor Marius. Sembra Heinz Wolff e sembra un curatore d'arte di un episodio di Wallander. E Michael Mr Bronson Sheard torna per la sua quarta storia fino ad oggi, questa volta nel ruolo ingrato del più importante infettato umano Lowe.

Sotto una luce intensa e contro set bianchi immacolati, Louise Jameson ha perso la sua abbronzatura come Leela e, di nuovo nel suo perizoma, sembra sorprendentemente a disagio. Non che lei dia qualcosa di meno del suo solito 100 per cento come selvaggia sfacciata (non mi vergogno di quello che sono).

Il Dottore, ancora una volta, sminuisce il sesto senso di Leela (con quella che suona come una certa veemenza anche da parte di Baker), e non si assolve a nessun grande eroismo. Distruggendo un'intera forma di vita, qualcosa che un tempo sarebbe stato un anatema per lui, ridacchia della sua stessa malizia: È stata una mia buona idea, K•9, farla saltare in aria.

A proposito di K•9, la nascita e il funzionamento del bastardo di metallo sono stati rovinati dal cimurro meccanico. Molte ripetizioni sono state rese necessarie da problemi con K•9, ha detto Barry Newbery. Era un dolore giusto perché non funzionava quasi mai. Ma per Graham Williams, l'opportunità di riunire un pubblico più giovane era troppo bella per perderla.

La revisione di K•9 per il reboot di Doctor Who ha fatto molto per guarirmi dalla mia cinofobia. E in ogni caso, Williams ha avuto ragione: K•9 ha la sua serie ora, per carità!

Un titolo provvisorio e migliore per questo traumatico in quattro parti era The Enemy Within. Il Nucleo dello Sciame potrebbe essere stato inizialmente microscopico, ma non invisibile: la tecnologia in stile Viaggio fantastico lo rende un terreno di gioco equo per eroe e nemico. Molti dicono che la creatura avrebbe dovuto rimanere nascosta, ma sono piuttosto affezionato al feroce gambero e al modo in cui deve essere portato in giro dai suoi scagnozzi dopo essere stato estratto dal cervello del Dottore.

Con The Invisible Enemy, Graham Williams ha morso più di quanto potesse masticare. Lo spettacolo non portava ancora il suo marchio distintivo, e nella serie successiva è persino tornato a una formula collaudata...


Archivio Radio Times

[Disponibile su BBC DVD]