L'incredibile storia vera dietro McMillions: McDonalds, Monopoly e la mafia

Vero Crimine


bob cose strane

McMillions, la nuova serie di storie vere in arrivo questa settimana su Sky Documentaries, racconta una storia che a prima vista sembra piuttosto improbabile: che per diversi anni negli anni '90 e nei primi anni 2000 la versione americana della famosa promozione del McDonald's Monopoly è stata dirottata da una rete di criminali.

La storia sembra così inverosimile che sembra bizzarro che non sia stata data più copertura prima d'ora. Ma James Lee Hernandez, uno dei registi dietro il progetto, afferma di essersi imbattuto nel caso praticamente per caso.





Tutto è iniziato nel lontano 2012, racconta HernandezRadioTimes.com.Stavo sdraiato a letto solo guardando il sito Reddit come faccio prima di andare a dormire a volte . [E] tra video divertenti di gatti e articoli casuali ho visto un TIL, Oggi ho scoperto che nessuno ha davvero vinto il McDonald's Monopoly Game.

L'interesse di Hernandez è stato immediatamente suscitato: era stato ossessionato dalla promozione del Monopoli da bambino e il suo primo lavoro era stato lavorare dietro il bancone di una catena di fast food durante il periodo della truffa, quindi è rimasto stupito quando ha scoperto che la storia di il caso era così poco conosciuto.

Mi sono immerso nella storia e non sono riuscito a trovare molte informazioni oltre alle informazioni di superficie di base, spiega. E così ha iniziato a esaminare ulteriormente il caso, presentando una richiesta per la libertà di informazione al governo degli Stati Uniti - che ha richiesto tre anni per essere completata - e alla fine contattando gli agenti dell'FBI e portando a bordo il suo collaboratore Brian Lazarte per guidare il progetto al suo fianco.

Anche Lazarte ne fu rapito quasi all'istante. Se cresci in quell'epoca te lo ricordi, ti ricordi le pubblicità, hai giocato al gioco, volevi vincere. lui spiega. Dire che in tutti quegli anni non hai mai avuto una possibilità perché c'era un giro criminale che frodava il gioco, è come se fosse successo, chi era coinvolto?



Mentre continuavano a indagare, la coppia ha scoperto rapidamente che la storia era così ampia che avrebbe dovuto essere raccontata in una serie piuttosto che in un documentario di 90 minuti. Oltre 50 persone erano state incriminate nel caso e quando Hernandez e Lazarte hanno iniziato a parlare con alcune delle persone coinvolte, sia pubblici ministeri che autori della truffa, si sono rese conto di essere seduti su un mucchio di materiale.

Qual era la truffa McMillions?

La truffa era stata scoperta per la prima volta da Doug Matthews, un agente dell'FBI e all'epoca una nuova recluta presso l'ufficio del Bureau a Jacksonville, in Florida. È venuto a conoscenza del caso grazie a una soffiata anonima e ha rapidamente investito tutte le sue illimitate energie nel progetto, sviluppandosi la reputazione di una specie di anticonformista mentre proponeva diversi schemi per aiutare le indagini, e ad un certo punto arrivando in modo vistoso a un incontro conil capo dell'ufficio della sicurezza globale di McDonald's che indossa un completo dorato.

personaggi muppets

Matthews è stata una delle prime persone con cui i registi hanno parlato e, secondo Hernandez, scoprire che l'agente che aveva guidato l'indagine era una figura così grande è stato come un regalo per un documentarista.

Quella era una situazione del tipo 'a volte è meglio essere fortunati che buoni', ride. La prima telefonata con Doug Matthews è stata strabiliante: l'energia e l'eccitazione, era come 'questo ragazzo è un vero agente dell'FBI, dobbiamo incontrare questa persona!'

E poi incontrarlo di persona per la prima volta è stato dieci volte più divertente. E a quel punto è solo, metti una telecamera davanti e lascialo andare ed essere se stesso. È una persona affascinante per la sua personalità ma anche per quanto è bravo nel suo lavoro, perché è considerato uno dei migliori agenti dell'FBI.

Zio Jerry l'ex poliziotto

Come mostra la serie di documentari, Matthews e il suo partner agente speciale Richard Dent - che non voleva apparire in McMillions - iniziarono a scavare nel caso e scoprirono rapidamente che era tutto collegato a un uomo misterioso che si chiamava 'Uncle Jerry'. Questo, si è scoperto, era Jerome Jacobson, un ex poliziotto e capo della sicurezza presso Simon Marketing, l'azienda incaricata di supervisionare la promozione del Monopoli. Grazie al suo lavoro, Jacobson è stato in grado di mettere le mani sui pezzi vincenti e ha iniziato a venderli ad amici e familiari, assicurandosi che nessuno dei premi chiave fosse effettivamente in gioco.

Lo schema è cresciuto rapidamente, con Jacobson che ha assunto molti co-cospiratori come reclutatori e li ha convinti a trasferire i pezzi vincenti a persone che vivono in diverse aree degli Stati Uniti al fine di dissipare qualsiasi sospetto edilizio. Alla fine, Jacobson si è unito a un altro Jerry, Jerry Colombo, un uomo con presunti legami con la mafia, e il caso ha iniziato a sfuggire al controllo, poiché il comportamento delle persone coinvolte è diventato sempre più irregolare.

dove vedere himym

Naturalmente, affinché la serie funzionasse, Hernandez e Lazarte dovevano assicurarsi di non fornire un resoconto unilaterale del caso. E quindi era essenziale che fossero in grado di parlare con alcuni di coloro direttamente coinvolti nella truffa piuttosto che solo con le forze dell'ordine che li inseguivano. I registi, quindi, hanno presentato il documentario a questi partecipanti come un'opportunità per registrare la loro versione della storia.

Non l'abbiamo davvero trattato come una persuasione, per così dire, spiega Lazarte. Volevamo che partecipassero e sentivamo che sarebbe stato molto meglio includere la loro voce piuttosto che essere raccontata solo dal punto di vista dell'FBI.

Doug Matthews

Parlando alle vittime

I registi hanno immaginato che gli spettatori potessero essere in grado di relazionarsi con alcuni dei partecipanti, anche se avevano commesso un crimine, specialmente quelli coinvolti a un livello inferiore dell'operazione. Due persone che appaiono in primo piano nel documentario e sono presentate in una luce particolarmente empatica sono Gloria Brown, una madre single di Jacksonville che aveva lottato finanziariamente prima che gli venisse detto della possibilità di vincere un pezzo da 1 milione di dollari, e George Chandler, un padre single , e imprenditore della Carolina del Sud a cui era stato informato del progetto dal padre adottivo. Sia Brown che Chandler non avevano idea di cosa si stessero cacciando e Hernandez ha detto che era molto facile per lui e Lazarte provare compassione per loro.

Abbiamo sentito un'enorme quantità di simpatia, dice. Puoi vederlo come in bianco e nero, c'è l'FBI e ci sono i criminali, e i criminali ottengono ciò che meritano. Ma quando guardi sotto il cofano vedi che queste sono davvero brave persone che hanno appena preso decisioni sbagliate. Ogni singola persona nella sua vita ha preso almeno una decisione - probabilmente una alla settimana - di cui si pente e il più delle volte non porta a essere un criminale federale.

Con Gloria Brown si trattava di capire la paura che aveva e come si era fatta strada sopra la sua testa... e poi George Chandler essendo un padre single e pensando di fare qualcosa con il suo padre adottivo... sono persone vere che sono state catturate in qualcosa.

La soffiata anonima

Un altro aspetto del caso che la docuserie esplora è un tentativo di decifrare chi c'era dietro la soffiata anonima che ha messo in moto l'indagine – e alla fine della serie questo viene finalmente rivelato (non lo rovineremo qui). Lazarte afferma che avevano sempre sperato di poter fare la scoperta, ma che durante la produzione erano scesi in una serie di tane di coniglio e spesso sembrava che non sarebbero mai stati in grado di scoprirlo. E dice che sebbene l'identità dell'informatore dell'FBI sia stata una sorpresa, ha anche potuto vedere come avesse molto senso.

cast di macgyver

Siamo stati molto fortunati che nel periodo di tempo delle riprese siamo stati in grado di rispondere a questa domanda perché era una domanda a cui speravamo davvero di essere in grado di rispondere fin dall'inizio, spiega. E penso che il modo in cui l'abbiamo fatto sia stato rispettoso per la persona reale che l'ha fatto, puoi giustificare le sue azioni e puoi capire perché hanno fatto quella scelta.

George Chandler

Da quando la docuserie è andata in onda su HBO negli Stati Uniti all'inizio di quest'anno, ha avuto una risposta molto forte – e i registi affermano di essere stati felici della reazione, specialmente quella di coloro che hanno partecipato al programma. Hernandez spiega che sia lui che Lazarte sono ancora in contatto con tutti i partecipanti – inclusi Doug Matthews, Gloria Brown e George Chandler – e che erano tutti molto positivi sul progetto finito.

È stato terrificante per loro vederlo per la prima volta e dare la loro reazione, ma tutti erano molto positivi a riguardo, dice. Dal lato dell'FBI erano felici che la gente potesse vedere che lavoro c'è in qualcosa di simile e che fosse reale e non solo un pezzo sensazionale come in un film.

E dal lato criminale c'è, per esempio, Gloria Brown, che era così felice che la sua parte della storia fosse ora pienamente nota - perché prima, se cercavi il suo nome su Google, tutto ciò che veniva fuori è che era una criminale e parte di questo giro di frodi. Ma ora c'è qualcosa che mostra cosa stava attraversando e che era una persona genuinamente gentile e premurosa che è appena stata coinvolta in qualcosa che era molto più grande di lei.

Quindi erano tutti molto positivi al riguardo e siamo davvero felici che abbiano pensato che fosse un vero racconto della loro storia.

McMillions andrà in onda su Sky Documentaries (è necessario iscriviti a Sky )e ORA TV da mercoledì 27 questo Maggio. Se stai cercando altro da guardare, dai un'occhiata alla nostra Guida TV.