Come Robert Pattinson di The Devil All the Time ha ucciso il fantasma di Edward Cullen

Film


Di Paul Bradshaw

Sapevi che Robert Pattison era nei film di Twilight?





infernale stagione 2

Anche se hai vissuto sotto una roccia alla fine degli anni 2000, saprai comunque che Pattinson era un vampiro adolescente perché ogni recensione dei suoi film da allora sente il bisogno di sottolinearlo. Proprio come Daniel Harry Potter Radcliffe, Mark Luke Skywalker Hamill, Elijah Frodo Baggins Wood, porta il peso del suo ruolo più famoso ovunque vada, almeno fino a quando non interpreterà Batman il prossimo anno...

Il suo ultimo, The Devil All The Time , è il più lontano possibile da Twilight, il che deve essere stato parte dell'appello. Pulp Fiction rurale ambientato in tre decenni di odio e miseria nella città di Knockemstiff, nel backwood dell'Ohio, The Devil All The Time è un titolo piuttosto azzeccato - con l'orrore timorato di Dio dell'Antico Testamento che incombe pesantemente su una trama piena di omicidi, sacrifici e crocifissi animali domestici. Sgradevole ma avvincente, è un thriller tentacolare pieno di grandi interpretazioni di artisti del calibro di Tom Holland (Marvel's Spider-Man), Sebastian Stan (Marvel's Bucky Barnes), Jason Clarke (L'alba del pianeta delle scimmie) ed Eliza Scanlen (Piccole donne). ).

Pattinson, infatti, ha solo un piccolo ruolo nel film, ma si sente ancora il protagonista grazie a una performance spavalda che supera in modo strano tutti gli altri intorno a lui. Un predicatore del sud parassita del sesso che estorce tutto ciò che può dalla sua influenza di provincia, fa il suo ingresso in una camicia da pirata con volant, immergendo abilmente due dita in una pentola per il sugo mentre parla dolcemente con le vedove della chiesa con un occhio alle loro nipoti . Colpendo una voce acuta e una camminata da ragno, sembra marginalmente più grande della vita - recitando la sua parte quel tanto che basta per sentirsi strano senza cadere nella parodia. In un lungo film affollato di volti famosi e grandi eventi, Pattinson è l'unica cosa che si distingue.

la funzione dell'uomo è vivere non esistere 007

Non è nemmeno la prima volta che lo fa quest'anno. Tenet di Christopher Nolan è stretto quanto i blockbuster – una fantascienza adulta senza spazio per le tribune – ma Pattinson è comunque riuscito a interpretare il poliziotto di sfondo del film come un gentiluomo spallaccio che ha modellato sull'intellettuale inglese Christopher Hitchens. John David Washington potrebbe ottenere il ruolo di Bond nel film, ma è Pattinson che ottiene la maggior parte dell'arguzia e del fascino, spingendo nuovamente le sue affettazioni al limite in un'altra performance che sembra essere deliberatamente diversa da tutto ciò che ha mai fatto.



Soprattutto, è diverso da Edward Cullen. Apparso in Harry Potter e il calice di fuoco prima di Twilight (e in ogni rivista per adolescenti come modello prima di quello), Pattinson era già una stella nascente quando ha interpretato Cullen per la prima volta nel 2008. Dopo quattro sequel e una relazione molto pubblicizzata con la sua co-protagonista, Kristen Stewart, sembrava essersi trovato bloccato in un ruolo che non gli piaceva particolarmente - quando un giornalista gli chiese nel 2012 se avesse mai preso qualcosa dal set per ricordargli la sua esperienza rispose, la mia dignità.

Parlando con Vanity Fair nello stesso periodo, proprio mentre la prima parte dello split finale, Breaking Dawn, stava arrivando nei cinema, Pattinson sembrava già preoccupato per il futuro. C'è una ricompensa enorme, ha detto, ma trovarsi in una casella così specifica è molto strano. Avere una persona che la gente riconosce, è la cosa che probabilmente ti fa guadagnare di più, ma è anche la cosa che praticamente ogni attore al mondo non vuole. Perché, tipo, nessuno mi crederebbe se volessi interpretare qualcosa di ultra realistico, tipo un gangster o qualcosa del genere.

La risposta, quindi, non è stata quella di puntare sul realismo ma sull'astrazione – personaggi che sembravano più grandi di Twilight anche se i film in cui si trovavano erano molto più piccoli. Trascorrendo l'ultimo decennio scegliendo ruoli interessanti, stimolanti e insoliti nei film con qualcosa da dire, Pattinson si è ritagliato una nicchia come attore indipendente.

Lo stesso anno ha terminato Breaking Dawn: Parte 2 è stato a Cannes con David Cronenberg per Cosmopolis, un adattamento del romanzo sovversivo di Don DeLillo su un miliardario alla deriva per Manhattan nel retro di una limousine. Poi è arrivato un cupo western australiano (The Rover), l'elegante biopic su Denis Stock (Life), una svolta irriconoscibile dietro la barba in The Lost City Of Z e il lavoro con Werner Herzog (Queen Of The Desert), The Safdie Brothers (Good Time ) e Claire Denis (High Life).

Glen Wilson/Netflix

L'anno scorso l'ha visto interpretare in modo eccessivo il Duca di Guyenne (con tanto di pantaloni pantoon e un forte accento francese) in The King, e underplay Ephraim Winslow al fianco di Willem Dafoe nell'horror d'essai gotico The Lighthouse. Getta il suo minaccioso reverendo Preston Teagardin nel mix di The Devil All The Time ed è difficile dipingere un'immagine di chi sia Pattinson – un cappotto in continua evoluzione di personaggi in film diversi e difficili che interpreta con feroce sensibilità e curiosa stranezza. Dopo 10 anni, sembra che stia finalmente iniziando a seppellire l'eredità di Twilight. Allora perché sta chiudendo una tuta da pipistrello e saltando indietro in un altro grande franchise di studio?

Presto sarà il nuovo Bruce Wayne nella versione oscura e radicata dei fumetti DC di Matt Reeves, il contraccolpo dei fan è già iniziato – con il primo trailer di The Batman che riesuma vecchi commenti online sulle 'radici emo' di Pattinson (peggiorate dalle nuovo eyeliner). Sia che lo stia facendo perché sembra una versione davvero interessante del personaggio (è così), o perché ha finalmente visto l'opportunità di eclissare un franchise con uno ancora più grande, non aspettarti che Pattinson faccia gli stessi errori che ha fatto quando aveva 21 anni. Potrebbe scambiare la sua casella con una Batcaverna, ma sa meglio di chiunque altro come fuggire se lo desidera.

liar seconda stagione

The Devil All The Time arriva su Netflix mercoledì (16 settembre) -controlla le nostre liste di listsi migliori programmi TV su Netflixe ili migliori film su Netflix, o vedicos'altro succede con il nostro?guida tv