Spider-Man: No Way Home stuzzica il crossover Andrew Garfield/Venom?

Film

Questo concorso è ora chiuso



**Questo articolo contiene spoiler per Spider-Man: No Way Home**

C'è una scena in Spider-Man: No Way Home in cui i tre (!) Spider-Men riuniti discutono della loro storia di lotta al crimine, con la conversazione che presto si sposta sui cattivi più strani che abbiano mai combattuto. Naturalmente, l'attuale incarnazione di Tom Holland è in grado di battere tutti raccontando la sua strabiliante avventura intergalattica (vedi Infinity War), ma l'originale Peter Parker di Tobey Maguire è almeno in grado di vantarsi di avere un nemico extraterrestre (anche se è Venom di Topher Grace). ).





La chiacchierata lascia il ragno medio di Andrew Garfield un po' sgonfio, lamentandosi del fatto che non ha mai combattuto un alieno ma che vorrebbe poterlo fare, in seguito liquidandosi come zoppo al confronto (un'osservazione che i suoi compagni Parker respingono in modo toccante). L'intera scena si svolge in un modo piuttosto meta, riconoscendo il fatto che il mandato di Garfield è stato sia il più breve che il meno apprezzato dalla critica delle tre iterazioni che abbiamo visto fino ad oggi.

Ovviamente, questo non aveva praticamente nulla a che fare con la sua interpretazione nel ruolo principale, che molti fan difendono ardentemente fino ad oggi. Invece, è stata una cattiva scrittura e decisioni discutibili dello studio che hanno fatto fallire il reboot di Spider-Man di Garfield, il che è triste considerando che l'attore è stato un autoproclamato super-fan dell'eroe Marvel sin da quando era un bambino. Per questo motivo, è un piacere vedere il suo Peter Parker guadagnare un po' di redenzione nelle epiche scene crossover di No Way Home, ma potrebbe essere qualcosa di più di una tantum?

Per gestire le tue preferenze email, clicca qui.

La battuta di Spidey di Garfield sul desiderio di combattere un nemico alieno potrebbe finire per essere un'osservazione da buttare, ma dato l'evidente entusiasmo dell'attore per il ruolo e l'intenso interesse del pubblico per le storie del multiverso, potrebbe anche gettare i semi per lui per fare esattamente quello in veleno 3 . È più plausibile di quanto ti aspetteresti inizialmente.

Alcuni hanno sostenuto che Garfield sarebbe riluttante a tornare nel mondo degli adattamenti dei fumetti, avendo forgiato una carriera nel cinema più stimato dopo la sua deludente esperienza con il franchise di Spider-Man. Tuttavia, diverse star hanno dimostrato che è possibile tenere un concerto Marvel pur mantenendo una presenza nel circuito dei premi. Benedict Cumberbatch ha filmato il vincitore dell'Oscar The Power of the Dog tra due progetti di alto profilo di Doctor Strange, proprio mentre Scarlett Johansson ha ottenuto il plauso per Marriage Story mentre Avengers: Endgame stava battendo i record al botteghino.



Inoltre, se esiste un franchise importante con un track record per attirare talenti rispettati, sarebbe Venom. Per ragioni che non riesco a capire, i due film usciti finora presentano una cavalcata di attori decorati, con Tom Hardy, Michelle Williams, Riz Ahmed, Naomie Harris e Woody Harrelson che hanno ricevuto 10 nomination all'Oscar. L'aggiunta di Garfield al mix porterebbe quel numero a 11 o forse addirittura a una dozzina se riesce a segnare un cenno per Tick, Tick... BOOM di quest'anno! . Le probabilità che si unisca alla festa probabilmente aumenterebbero se la Sony decidesse di tenere Andy Serkis in giro per Venom 3, poiché il regista aveva già diretto Garfield nel film biografico del 2017 Breathe.

Sony

Ma probabilmente il fattore più importante di tutti è che il franchise di Venom è semplicemente necessità avere un Peter Parker che lo attraversa per sopravvivere. I due film usciti finora sono finiti entrambi in pile di schizzi appiccicosi contro i muri, il che non rende un finale particolarmente cinematografico. Se un terzo film segue la stessa strada, non è difficile immaginare che il pubblico inizi a stancarsi di questa formula ripetitiva, con Let There Be Carnage che ha già visto un calo significativo rispetto alle fortune al botteghino dell'originale (anche se è andata piuttosto bene per gli standard della pandemia ).

Con il Scena dei titoli di coda di No Way Home rendendo abbastanza chiaro che Eddie Brock di Hardy deve rimanere confinato nel suo universo separato, le probabilità che affronti lo Spider-Man di Tom Holland sono piuttosto basse per il momento. Ma c'è un'altra opzione. Se Sony dovesse rivelare che i due film di Venom rilasciati finora erano stati effettivamente ambientati nella continuità di Amazing Spider-Man per tutto il tempo, ciò metterebbe immediatamente un'incarnazione preferita dai fan della testata ragnatela della Marvel in rotta di collisione naturale con il Protettore Letale - oltre ad offrire una bella ricompensa sia alla già citata linea No Way Home che alla scena post-crediti in cui Brock quasi arriva alla battaglia finale a New York City.

Come è già stato detto, l'universo di Amazing Spider-Man di Sony non era particolarmente ben realizzato, quindi i film di Venom avrebbero ereditato un po' di bagaglio con questo corso d'azione. Tuttavia, direi che i potenziali guadagni superano decisamente i rischi, soprattutto perché No Way Home ha dimostrato quanto facilmente un bravo scrittore possa apportare rapidi miglioramenti (basta guardare la trasformazione assegnata a Electro di Jamie Foxx). Riparare questa continuità non amata darebbe anche a Sony Pictures un infallibile denaro Marvel che non dovrebbe condividere con Disney – e nel caso non lo sapessi, alle aziende piace il denaro.

Per saperne di più:

Spider-Man: No Way Home è ora disponibile nei cinema del Regno Unito. Scopri di più sulla nostra copertura cinematografica o visita la nostra guida TV per vedere cosa c'è in programma stasera.

Il doppio numero di TV cm Christmas di quest'anno è ora in vendita, con due settimane di elenchi TV, film e radio, recensioni, servizi e interviste con le star.