Recensione finale di Doctor Who: il Dottore cade ma il magnifico Peter Capaldi si erge

Sci-Fi


★★★★★ Sì, lo so, altre cinque stelle... ma puoi dire che un episodio di Doctor Who è vincente quando guardi una versione molto approssimativa e ti cattura ancora. La prima anteprima rilasciata dai blocchi aveva molti effetti mancanti e necessitava di modifiche e perfezionamenti finali, poiché il team di produzione si sforzava di rispettare una scadenza ravvicinata pochi giorni prima della trasmissione. uff!

La fine è in vista per i signori Moffat e Minchin, produttori esecutivi uscenti, e il loro straordinario cast (Peter Capaldi, Pearl Mackie, Matt Lucas, Michelle Gomez e John Simm) che se ne vanno tutti qui, o presto... Ma ciò che forse è più sorprendente di questo episodio conclusivo della Serie Ten è quanto inconcludente sia.





La nave colonia Mondas rimane bloccata sulla soglia di un buco nero. I suoi abitanti sono ancora minacciati dagli incipienti Cybermen. Nessuna causa è specificata per la rigenerazione del Dottore, anche se evidentemente ora può tenere a bada il processo. E ciò che è sottilmente pungente è che i personaggi principali rimangono inconsapevoli del destino l'uno dell'altro. Nessuno sa se qualcuno dei suoi amici o nemici è sopravvissuto.

Nardole vive ma è bloccato sull'astronave. Lui o il suo gruppo riusciranno mai a scappare? Il Dottore non ha idea che Bill sia stato restaurato/trasformato da Heather né che lo abbiano riportato al Tardis. Bill se ne va senza sapere che il Dottore sopravviverà o addirittura che potrà rigenerarsi. Ciò che, per me, è più toccante è che il Dottore non sa di essere riuscito a far passare Missy dal lato oscuro, che il suo migliore amico stava tornando per sostenerlo e potrebbe essere morto nel tentativo.

The Doctor Falls è un episodio finale irregolare ma assolutamente avvincente. Il nostro eroe ostacola, o almeno manomette, il piano diabolico del Maestro notevolmente in anticipo, in modo che il primo atto sia concluso prima del segno dei 15 minuti. I Signori del Tempo si trovano in fuga dai Cybermen e l'azione si sposta dal piano distopico 1056 al bucolico piano 507. Improvvisamente il Dottore ha un rifugio per bambini da proteggere. Questo cambiamento di ritmo e ambiente può essere inaspettato, ma dà ai personaggi una pausa per pensare e avere conversazioni difficili. Dà al cast la possibilità di brillare.

Capaldi, Simm e Gomez sono ovviamente divini insieme. Peter Capaldi è magnifico come sempre. Questo è veramente il suo episodio. Il suo dottore può cadere ma lui si erge in mezzo a una forte concorrenza. Il maestro di John Simm è un bastardo implacabile fino alla fine, ma non il pazzo di sette anni fa. Michelle Gomez è semplicemente superba per la doppiezza, la ricerca dell'anima e la risata della propria tragedia. I loro balli, flirt e pugnalate alle spalle sono da morire.

C'erano speculazioni febbrili sul casting di Sam Spiro. Tutti i tipi di nozioni stupide. Nel caso, Hazran non ha un oscuro segreto, a parte il fatto che è un interesse amoroso per Nardole. È una figura materna per i bambini minacciati al piano 507, armata di fucile nella sua fattoria, facendomi venire in mente Lillian Gish nel classico degli anni '50 La notte del cacciatore.



Sono contento che Bill si guadagni una tregua. Non piagnucoliamo che un altro personaggio normale sia visto morire o subire un destino peggiore della morte e poi diventare non morto. Sarebbe orribile lasciarla legata con quelle bende Cyber. Va detto che la partenza di Bill è notevolmente simile a quella di Clara alla fine della nona serie. La morte di Clara è stata messa in pausa, il suo battito cardiaco si è congelato, e poi è volata via nel tempo e nello spazio in compagnia di un'altra donna eterna (Ashildr/Me), lasciando il Dottore nessuno più saggio. Quasi identico.

Non ho mai previsto il ritorno di Heather e provo un brivido al riavvicinamento della sua storia d'amore con Bill. Sono il pilota. Posso volare qualsiasi cosa. Anche tu, dice Heather. Sei come me ora. È solo un modo diverso di vivere. Dovresti avere un cuore freddo per non essere persuaso e commosso. Ti ho lasciato le mie lacrime, ricorda, è una cosa così strana ma bella. Bill merita questo finale. E Pearl Mackie lo interpreta alla perfezione.

A proposito di donne di talento... Rachel Talalay non è semplicemente una regista, è un'artista che lavora nel mezzo della televisione. Dalla fornace del piano 1056 alla fattoria di Cotswold-y al Polo Sud innevato, intreccia diversi toni e trame e tableaux, Quiet Moments e Big Moments, in un arazzo coerente e impressionante.

Nelle sue mani, qualsiasi potenziale imbarazzo di Bill non si vede come le scene di Cyberman vengono stirate. C'è la precisione dello storyboard di Missy che si rivolge alla telecamera mentre viene colpita e irradiata dal Maestro. L'angolo dall'alto di Missy che esala il suo ultimo respiro, che sembra Ofelia, in quel bosco verde-azzurro crepuscolare è una delle tante immagini stranamente belle. E ci sono molti piccoli tocchi. Il modo in cui Nardole nella sua inquadratura finale cammina verso e oltre la telecamera e nel suo futuro, che taglia a un'inquadratura dall'alto di CyberBill che barcolla attraverso una landa desolata segnata dalla battaglia.

Steven Moffat ha detto che questo finale non sarebbe stato un festival nostalgico. Non so di chi stava tirando la gamba. Potrebbe non essere una festa, ma è sicuramente un buffet in esecuzione, con molti bocconcini salati per far partire le tue papille gustative nostalgiche. Il Dottore di Capaldi è così simile a quello di Jon Pertwee qui, negli sguardi e nelle azioni, interagendo con il Maestro, facendo esplodere esplosioni con il suo cacciavite sonico, sconfiggendo eroicamente i Cybermen mentre elenca le loro sconfitte passate.

Un tocco degno di nota è che i Cybermen originali non hanno mai usato i loro fari come arma, anche se sembravano in un'illustrazione sul retro del romanzo degli anni '70 de Il decimo pianeta (sopra). Se The Doctor Falls fosse un libro, ci sarebbero abbondanti note a piè di pagina, specialmente quelle che indicano allusioni al passato.

Il Dottore osserva che i Cybermen si verificano ovunque ci siano persone: Mondas, Telos, Earth, Planet 14, Marinus. I primi due erano i loro pianeti d'origine negli episodi degli anni '60. Una Terra parallela ha dato origine a Cybermen durante il mandato di Russell T Davies. Planet 14 è un riferimento favolosamente oscuro ad alcune righe di dialogo in The Invasion (1968). E Marino? Bene, questo è un cenno al serial del 1964 The Keys of Marinus. (Forse Steven sta suggerendo che i Voord gommosi e i Soldati di Ghiaccio semi-robotici incontrati dai compagni di William Hartnell fossero una forma di Cybermen...)

Mentre il Dottore lotta per arginare la sua rigenerazione, c'è una danza di San Vito di cenni ai precedenti episodi di rigenerazione. Il suo balbettio sui Sontaran che pervertono il corso della storia umana è stato il primo verso di Tom Baker nel 1974. Rivisita il lamentoso belato di David Tennant, Non voglio andare, e quello di Matt Smith [ricorderò sempre] quando il Dottore ero io. La battuta di Bill mentre singhiozza sul Dottore, Mentre ci sono lacrime, c'è speranza, riecheggia le ultime parole del Dottore Pertwee mentre Sarah singhiozzava su di lui: Una lacrima, Sarah Jane? No, non piangere. Finché c'è vita c'è... L'inquadratura dall'alto di Bill e il Dottore, disteso sul pavimento del Tardis, ammantato disteso, riecheggia i momenti finali di William Hartnell ne Il decimo pianeta (sotto).

E infine quel finale. Nostalgia centrale! Il Dottor 12 incontra il Dottor Uno nelle distese innevate dell'Antartide. Dove sono le nevi di un tempo? / Dove sono le nevi di un tempo? Se hai un po 'di Poesia francese o studiato Rossetti o Tennessee Williams, saprai che questa scena utilizza uno dei principali motivi nostalgici della letteratura.

mappa parkour fortnite

Siamo tornati all'ambientazione de Il decimo pianeta 51 anni fa. E una figura familiare, un vecchio con mantello, cappello di astrakan e sciarpa bianca, emerge dalla bufera di neve. Potresti essere a Dottore ma lo sono il Dottore, dice, stringendosi i baveri. Il originale potresti dire. (Questo è un glorioso mash-up di una delle prime linee di Tom Baker nel 1974 e di Richard Hurndall come primo sostituto del Dottore in The Five Doctors nel 1983.)

Che magia rivedere David Bradley, non solo interpretare William Hartnell (o anche interpretare Hartnell come primo Dottore) come ha fatto in Un'avventura nello spazio e nel tempo. Ora ci sta dando il suo primo dottore. Sapevo benissimo che questo momento speciale stava arrivando, ma tocca ancora profondamente il fanboy che è in me.

Di solito mi avvicino alle offerte speciali di Natale con trepidazione. Non questa volta. Non vedo l'ora di vedere Peter Capaldi e David Bradley esibirsi fianco a fianco.

*

David Bradley in rare foto di Radio Times del 2013

...

Ogni storia dal 1963 recensita nella Doctor Who Story Guide di RT

Recensioni della decima serie:

Episodio uno: Il pilota ★★★★

Episodio due: Sorriso .

Episodio tre: Thin Ice ★★★★★

quando esce la terza stagione di outer banks

Quarto episodio: Knock Knock ★★★★

Episodio cinque: Ossigeno ★★★

Episodio sei: Extremis ★★★★★

Episodio sette: La piramide alla fine del mondo

Episodio otto: La menzogna della terra ★★

Episodio nove: Imperatrice di Marte ★★★★★

Episodio dieci: I mangiatori di luce ★★★★★

Episodio 11: Mondo Abbastanza e Tempo ★★★★★