Le strane e meravigliose scene post-crediti di Deadpool 2 – spiegate

Sci-Fi


Le scene post-credits sono quasi un dato di fatto nei film di supereroi in questi giorni, ed è probabilmente il motivo per cui il primo film di Deadpool di Ryan Reynolds li ha presi in giro senza pietà in una breve scena in stile Ferris Bueller che ha deriso l'abitudine della Marvel di includere Sam Jackson con una benda sull'occhio e un piccolo numero di pelle impertinente.

Deadpool 2, tuttavia, alza davvero la posta con una serie di quarti pezzi che rompono il muro che rendono omaggio al passato cinematografico del personaggio, legano alcune estremità in sospeso e generalmente rendono la visione esilarante.





Ora, stiamo approfondendo esattamente cosa succede nelle scene e cosa significano di seguito (con la strana interiezione di uno dei cast del film), quindi se non hai ancora visto il film PER FAVORE, GUARDA LONTANO . Ovviamente gli spoiler si nascondono sotto il divario e ti fai male solo se continui a leggere.

  • Anche la nuova star di Deadpool 2 non ha avuto tutti i riferimenti ai fumetti comic
  • Newsletter di RadioTimes.com: ricevi le ultime notizie su TV e intrattenimento direttamente nella tua casella di posta
  • I registi di Avengers: Infinity War hanno reagito allo spoiler di Deadpool di Ryan Reynolds

Oh, e un'altra nota: il primo film di Deadpool ha leggermente modificato la sua scena post-crediti per il rilascio generale dopo aver mostrato una più breve alle proiezioni dei primi critici, quindi è possibile che anche questa volta sia stato aggiunto qualcos'altro. In tal caso, questo articolo verrà aggiornato.

Ancora qui? Grande. Ci sono circa cinque scene post-crediti in Deadpool, anche se tutte scorrono l'una nell'altra e si presentano abbastanza presto, probabilmente è più preciso dire che c'è una lunga scena a metà dei titoli di coda a ruota libera.



Tuttavia, li divideremo ancora separatamente.


Scena uno dopo i titoli di coda

Josh Brolin come Cable in Deadpool 2 (20th Century Fox, HF)

now tv prova gratuita 7 giorni

Alla fine del film, vediamo l'antieroe Cable (Josh Brolin) usare la sua ultima possibilità nel viaggio nel tempo per salvare Deadpool, prima che il suo dispositivo futuristico si esaurisca.

Tuttavia, nella prima scena post-crediti vediamo i giovani X-Men Negasonic Teenage Warhead (Brianna Hildebrand) e Yukio (Shiori Kutsuna) rimettere in funzione il dispositivo e consegnarlo a Deadpool (Ryan Reynolds), con un avvertimento che Cable lo ucciderà se viene sorpreso a usarlo.


Seconda scena dopo i titoli di coda

Il segmento successivo vede Deadpool tornare indietro nel tempo alla scena precedente nel film quando la sua fidanzata Vanessa (Morena Baccarin) è stata uccisa da un assassino, con Wade che è riuscito a uccidere l'ultimo aggressore con alcune stoviglie.

Non è chiaro se questa scena renda canonica la sopravvivenza di Vanessa, ma sicuramente apre la possibilità che Baccarin torni per i sequel futuri.


Scena tre dopo i titoli di coda

Rob Delaney come Peter in Deadpool 2 (20th Century Fox, HF)

Subito dopo, Deadpool salta al punto nel film in cui il membro X-Force di Rob Delaney completamente non superpotente Peter è stato ucciso, convincendolo a tornare alla sua vita normale invece di unirsi a futuri supereroi.

Purtroppo, gli altri compagni di squadra dell'X-Force deceduti di Wade, Bedlam, Vanisher, Shatterstar e Zeitgeist (interpretati rispettivamente da Terry Crews, Brad Pitt, Lewis Tan e Bill Skarsgaard) non ricevono lo stesso trattamento. Ma chi lo sa? Forse ora vedremo Peter in un futuro film di X-Force.


Scena quattro dopo i titoli di coda

OK, ora è qui che le cose si mettono veramente meta. Questo segmento inizia come un replay diretto di una scena del tanto diffamato X-Men Origins: Wolverine del 2009, in particolare la parte in cui Wolverine (Hugh Jackman) affronta la versione di Deadpool di quel film (il primo tentativo di Ryan Reynolds nel personaggio).

Per cominciare, la scena è solo un replay diretto del filmato di X-Men Origins: Wolverine (anche se leggermente rieditato), rendendolo uno strano cameo d'archivio per la star di Wolverine Jackman, ma poi le cose cambiano un po' quando il VERO Deadpool (aka da questi film di Deadpool) si presenta per sparare al suo io strano e senza bocca nella testa.

Sto solo ripulendo le tempistiche! racconta al giovane Wolverine, che ora vediamo solo da dietro con gli artigli disegnati, con l'intera scena che fa riferimento all'universo sempre più confuso dei film di X-Men negli ultimi due decenni.

Ancora una volta, è difficile dire se questa scena conta come una rimozione canonica di X-Men Origins: Wolverine dalla timeline degli X-Men – voglio dire, non posso credere che sto discutendo su canon in un articolo su Deadpool. Che cos'è il canone? Non ne so più, ma è sicuramente l'estensione di uno scherzo nel primo film di Deadpool, che includeva una action figure di Origins Deadpool nei suoi momenti iniziali.

È anche un modo abbastanza carino di avere un cameo di Hugh Jackman senza minare la morte emotiva di Wolverine in Logan del 2017, quindi bravi tutti per questo.

Ho pensato che fosse fantastico, soprattutto da quando Hugh è morto nel suo ultimo film, che abbia deciso di farne ancora parte, ha detto a RadioTimes.com l'attore Zazie Beetz, che ha interpretato Domino in Deadpool 2.

Jackman ottiene una menzione speciale nei titoli di coda per l'uso della sua somiglianza, che può essere vista anche su una scatola di cereali Wolverine e su un carillon leggermente macabro che Deadpool usa per aprire il film.


Scena 5 dopo i titoli di coda

La scena finale (a meno che non ne aggiungano un'altra per l'uscita generale) ci taglia, ehm, lo stesso Ryan Reynolds, che guarda la sceneggiatura di un film con eccitazione a occhi spalancati.

Sei nei campionati più importanti ora, ragazzo, si dice, prima che la telecamera tagli alla prima pagina della sceneggiatura – che è per l'ALTRO film di supereroi di Reynolds, stroncato dalla critica Lanterna Verde, il bersaglio di molte battute nell'originale Deadpool .

Poi sentiamo uno sparo e la sceneggiatura è schizzata di sangue. Deadpool ha viaggiato indietro nel tempo fino a questo punto per sparare... se stesso, suppongo?... nella testa prima di poter realizzare il film del 2011. È proprio il momento di concludere questo film.


Tutto sommato, quindi, Deadpool 2 ci porta alcune delle scene post-crediti più strane e divertenti nella storia dei film di supereroi. Da Wade Wilson non ci aspetteremmo niente di meno.

Deadpool 2 è ora nei cinema del Regno Unito