Mike Parker di The Crown, l'attore Daniel Ings, risponde alle critiche della famiglia del segretario privato colpito dallo scandalo del principe Filippo

Dramma


I parenti del vero comandante Mike Parker sono rimasti inorriditi da come è stato raffigurato in The Crown come il braccio destro donnaiolo del principe Filippo. Ora l'attore Daniel Ings ha detto di essere rattristato dalla reazione della famiglia, ma che non era mai stata sua intenzione interpretare Parker come un cattivo.

La seconda stagione del dramma reale di Netflix ha puntato i riflettori sul segretario privato del duca di Edimburgo. Mike Parker è stato colto al centro di una tempesta mediatica nel 1956 quando sua moglie Eileen ha chiesto il divorzio mentre suo marito era dall'altra parte del mondo a bordo dello Yacht Britannia. In The Crown, vediamo il tour reale di cinque mesi del principe Filippo diventare una crisi in attesa di accadere mentre Parker incoraggia l'occhio errante del suo capo (o almeno così è implicito).





  • Chi era il braccio destro del principe Filippo, Mike Parker?
  • Il principe Filippo è stato infedele?
  • Recensione del primo sguardo della seconda stagione di The Crown: la maestosa seconda serie di Netflix approfondisce il matrimonio reale

Ma il figlio di 73 anni del defunto comandante Mike Parker, Michael Parker, ha dichiarato domenica al The Mail che non c'erano prove che il tour reale fosse uno shagfest – e che suo padre era un uomo d'onore e si prendeva cura di Philip molto bene.

Il principe Filippo e il comandante Michael Parker nel 1952 (Getty)

Ings dice a RadioTimes.com: Ovviamente, interpretare qualcuno di vero è una responsabilità. E ovviamente mi è dispiaciuto vedere che non erano contenti di questo... non volevo sentirlo.

L'attore, che recita anche nello show di Netflix Lovesick come Luke Curran, ha detto di non aver parlato con nessuno della famiglia, spiegando: Da parte mia, immagino che volevo solo interpretare il ruolo come l'ho visto nella sceneggiatura.

piccola alchimia sabbia

Ovviamente non conoscevo l'uomo, sai? Questa è stata la mia impressione, e in realtà penso che sia stato interessante vedere la risposta a questo in questo momento. [Il personaggio che interpreto è] un tipo di persona difficile con cui simpatizzare, perché è infedele a sua moglie e sta lasciando sua moglie e i suoi figli.



Ma in realtà non l'ho mai visto come un cattivo ragazzo. Penso che siano stati coinvolti in uno stile di vita che forse si è un po' trascinato... C'è la responsabilità di interpretare qualcuno che è realmente esistito, e suppongo che ci sia una sorta di tragedia in quel personaggio, perché ne paga il prezzo, sai? Paga un prezzo abbastanza alto.

Mike ed Eileen Parker in The Crown (Netflix)

Mentre lo scandalo del divorzio si rifiutava di scomparire e i media attaccavano la sua reputazione, il vero Mike Parker offrì le sue dimissioni e un mese dopo, il principe Filippo e la regina accettarono con riluttanza. Parker è diventato un uomo d'affari, si è trasferito in Australia e si è sposato altre due volte. Rimase anche in contatto con il Duca di Edimburgo, incontrandosi regolarmente e scambiando lettere fino alla sua morte, avvenuta alla fine del 2001.

Ings è stato scelto come il donnaiolo Mike Parker poco dopo aver fatto il suo debutto come donnaiolo Luke nel grottesco titolo Scrotal Recall di Channel 4, prima che si trasferisse su Netflix e venisse ribattezzato Lovesick. La commedia drammatica è giunta alla sua terza stagione. Allora perché continua a essere scelto per interpretare il ruolo del (nelle sue parole) affascinante e adorabile mascalzone?

data di uscita space jam 2

Non mi considero davvero un donnaiolo, ci dice Ings. Mi piace non pensare a me stesso come a un donnaiolo.

Ma in un certo senso è divertente interpretare un mascalzone. Voglio dire, in Lovesick ci giochiamo un po' di più, e in qualche modo riveliamo che non è del tutto quello che è.

Daniel Ings in Lovesick (Netflix)

Sul suo ruolo di playboy Luke, dice: voglio dire, ho avuto una relazione per tutti i miei vent'anni, e ora ho 32 anni! In un certo senso mi sono perso tutti gli appuntamenti che le persone fanno spesso tra i vent'anni. Quindi non è proprio una storia che si avvicina così tanto alla mia vita personale.

Ma posso riguardare molte delle cose individuali che le persone attraversano, conversazioni imbarazzanti e strane rivelazioni e certamente quell'idea di qualcosa che sta accadendo che forse ti ferisce nel tuo passato che ha un tale impatto e un effetto a catena che ti ci vogliono anni per sganciarlo e in qualche modo svelarlo. Posso davvero identificarmi con quello.

Luke è il migliore amico del nostro protagonista Dylan Witter (Johnny Flynn), e nel caso ve lo foste perso, Ings è a vostra disposizione per spiegarvi perché dovrebbe essere il vostro nuovo drama Netflix preferito.

Bene, è fondamentalmente uno spettacolo su un uomo che, per vari motivi, principalmente legati alla clamidia, si rende conto che ha bisogno di entrare in contatto con tutti i suoi ex, ci dice. Essendo una sorta di romantico sdolcinato, decide di vedere le persone di persona. E diventa una specie di ricerca per capire un po' di più se stesso e capire perché sta ancora cercando l'amore.

Ogni episodio si tuffa in una delle sue precedenti relazioni. E lungo la strada mostra la sua amicizia e le sue relazioni con i suoi due o tre migliori amici... Quindi è fondamentalmente una storia d'amore, ma è anche una specie di storia d'amore su un gruppo di amici.

Daniel Ings interpreta Luke (Netflix)

sex and the city dove vederlo

Questo era il concetto per le prime due stagioni, ma ora Lovesick si sta evolvendo. Nella terza stagione saltiamo di sei mesi nel futuro e spostiamo la storia oltre i problemi di salute sessuale di Dylan, dando un'occhiata più da vicino a cosa sta succedendo con i suoi amici. E (ALLARME SPOILER!) c'è una trama enorme per Luke, che finalmente riesce a mettere insieme la sua cotta a lungo termine Jonesy.

Quindi scopriremo mai cosa succede dopo?

In realtà non so se ci sarà o meno una serie quattro, dice Ings, deludente. Ma penso che la fine della terza serie sia un posto abbastanza soddisfacente in cui lasciare i personaggi se non ne facciamo più.

Tuttavia, non rinunciare ancora alla speranza. Aggiunge: voglio sapere cosa succede con Luke e Jonesy, ho delle idee ma penso che ci sia sicuramente spazio per raccontare più storie. Sono personaggi scritti in modo brillante ed è una struttura così bella per lo spettacolo e per lo spettacolo, penso. Tutta la scrittura è così bella e siamo abbastanza fortunati da avere registi e produttori brillanti. Quindi penso che ci sia più spazio per farlo, e ci divertiamo tutti a farlo. Ma vedremo.

Le stagioni 1-3 di Lovesick e le stagioni 1-2 di The Crown sono ora disponibili su Netflix