Recensione di The Cleaner: la commedia sulla scena del crimine di Greg Davies è un miscuglio

Commedia

Questo concorso è ora chiuso

2,0 su 5 stelle

C'è un vecchio stereotipo secondo cui i tedeschi non hanno molto gusto per la commedia, ma Greg Davies chiaramente non è d'accordo. Per la sua nuova sitcom della BBC One, la star di Taskmaster ha adattato la serie tedesca di lunga data Der Tatortreiniger, che ruota attorno a un orgoglioso pulitore di scene del crimine e ai vari eccentrici che incontra mentre svolge il suo lavoro piuttosto macabro. È un concetto intrigante e con molte opportunità per l'umorismo nero più nero, ma troppo spesso il formato viene sprecato in questo remake a favore di gag relativamente stanche e riferimenti poco divertenti a cose come la milf tatuata.

nove perfetti sconosciuti 2 stagione

Davies interpreta il titolare delle pulizie, Paul 'Wicky' Wickstead, un uomo di mezza età che è molto orgoglioso del suo lavoro ma la cui vita personale è in qualche modo in uno stato di arresto dello sviluppo (il suo obiettivo principale nella vita è finire il suo lavoro abbastanza velocemente per fare una serata al curry al locale ubriacone). Lo schtick del personaggio non è troppo un diversivo dal solito personaggio comico di Davies - è un po' stanco del mondo e non sopporta gli sciocchi - e Davies è una presenza abbastanza simpatica da riuscirci, anche se la maggior parte del suo marchio di fabbrica gli sproloqui mancano dell'ilarità che abbiamo visto nelle sue apparizioni in stand-up e panel show.

Probabilmente la più grande attrazione della serie è il supporto stellato cast che Davies è riuscito a mettere insieme , con ogni singolo episodio che ruota attorno alle interazioni di Wicky con una guest star diversa, che si tratti dell'autore pedante e frustrato di David Mitchell o dell'influencer superficiale e interessato di Layton Williams. Questa struttura consente a ogni episodio di esplorare temi e problemi diversi poiché Wicky viene inevitabilmente coinvolto nella conversazione con i vari personaggi, ma significa anche che le puntate differiscono enormemente in termini di qualità, da quelle davvero scarse a quelle abbastanza divertenti.

La stella più grande di tutte, Helena Bonham Carter , appare nel primo dei sei episodi – interpretando una vedova che uccide brutalmente suo marito dopo essersi stancata dei suoi modi maniaci del controllo. L'episodio la vede tenere prigioniera Wicky all'interno della sua casa quando fa un rientro a sorpresa, con gran parte del dramma che ne segue che si svolge all'interno del bagno, dove insiste che Wicky rimanga sempre.

Non c'è dubbio sulla qualità da star di Bonham Carter, e lei si impegna al massimo, ma ho trovato questo episodio una grande delusione. C'è un sacco di incredulità tra i due personaggi mentre la vedova spiega le ragioni per cui ha fatto fuori suo marito, e c'è un'abbondanza di battute crude, ma l'umorismo non si gelifica mai davvero e finisce per venire fuori un po' forzato. Che il momento più bello dell'episodio sia una sequenza fantasy in cui la coppia canta un duetto di It Had To Be You di Frank Sinatra mentre Bonham Carter è seduto sul water probabilmente ti dice tutto ciò che devi sapere.

Per gestire le tue preferenze email, clicca qui.

  • Per le ultime notizie e i consigli degli esperti su come ottenere le migliori offerte quest'anno, dai un'occhiata al nostro Black Friday 2021 e Cyber ​​Monday 2021 guide.

Gli episodi migliori sono quelli in cui l'umorismo prende effettivamente più di un sedile posteriore. Il mio preferito del gruppo è stato l'episodio quattro, intitolato The Aristocrat, che vede Wicky spedito nella sontuosa dimora di una vecchia signora snob (Stephanie Cole) che è stata recentemente l'obiettivo di un tentativo di furto fallito. Il tono qui è ancora comico, ovviamente, ma c'è un po' di suspense e Wicky inizia a rendersi conto che c'è di più nel caso di quanto sembri e si trova di fronte a una sorta di dilemma morale. Ciò conferisce all'episodio un senso di spinta narrativa che manca ad alcune delle altre puntate e assicura che diventi un'esperienza del tutto più coinvolgente.

C'è qualcosa di Inside No. 9 nella serie - sono entrambi spettacoli di antologia cupamente comici che si svolgono in gran parte in luoghi singoli contenuti - ma le sceneggiature qui non sono così nitide o originali come nella fantastica serie di Reece Shearsmith e Steve Pemberton, il che significa che The Cleaner non è così scuro o comico quanto deve essere per essere considerato un successo assoluto.

come sapere quanti pollici è una tv

Lo spettacolo è ancora molto guardabile: puoi dire che i registi Tom Mitchell e Alex Winckler si sono divertiti a costruire alcune delle scene di montaggio di pulizia cruenti, mentre c'è una certa quantità di divertimento da provare guardando le guest star fare le loro cose (David Mitchell, in particolare, è cast perfettamente) – ma nel complesso, questa è una serie che non è all'altezza del suo potenziale.

The Cleaner inizia su BBC One venerdì 10 settembre alle 21:30. Se stai cercando qualcos'altro da guardare, dai un'occhiata al resto della nostra copertura comica o dai un'occhiata alla nostra Guida TV.