Il finale della serie 4 di The Bridge offre un addio doloroso ma appropriato a Saga in un climax trionfante

Dramma


QUESTO ARTICOLO CONTIENE SPOILER SULL'EPISODIO 8 . DELLA SERIE BRIDGE 4

Sapevamo che stava arrivando, l'ultimo avvistamento di Saga Noren, l'intrepido e brillante detective di Malmo. E ovviamente doveva svolgersi dove era iniziato: sul Ponte stesso.



Eccola lì, questo personaggio meraviglioso, sull'enorme cavalcavia di Oresund che collega Malmo e Copenaghen, dopo aver risolto il suo ultimo caso e gettato via la sua carta di mandato. Le sue ultime parole non le sembravano familiari ma indicavano una nuova vita fuori dalla polis, come lei chiamava sempre la sua professione. Invece di rispondere al telefono con le parole Saga Noren Malmo CID, ha semplicemente detto Saga Noren. Ha riavuto la sua vita e la sua identità. Che fine è stato.

Per quanto mi riguarda sono stato felice che il creatore Hans Rosenfeldt non avesse deciso di ucciderla, il che è sempre stato una paura in uno spettacolo che ha vantato un *tosse* alto numero di corpi nelle ultime quattro serie.

  • Riepilogo dell'episodio 7 della serie 4 di The Bridge: l'assassino viene smascherato aprendo la strada all'episodio finale di sempre
  • Guida di viaggio a Malmo, Copenaghen e luoghi chiave per Scandi Noir
  • Sofia Helin di The Bridge rivela l'unica scena con cui era a disagio nel corso delle quattro serie

Saga aveva passato tutto quel tempo, come ci ricordava spesso. Ha comprato il suo primo partner Martin per aver ucciso l'assassino di suo figlio, sua sorella si era uccisa e sua madre la odiava. Tanto, infatti, che si è suicidata e ha cercato di incastrare Saga per omicidio, come vendetta per aver denunciato i suoi crimini contro Jennifer. Oh sì, e il suo mentore e amato amico e capo Hans Pettersson è stato assassinato in circostanze grottesche nella terza serie. E questo ancora prima di arrivare a tutti quegli orribili crimini che ha dovuto risolvere.

Quindi diciamo che aveva bisogno della terapia che ha ricevuto in questa serie e sono state queste sessioni la chiave che ha sbloccato la sua anima.



open di francia live

La sua epifania è arrivata dopo aver realizzato alcune verità su se stessa: l'enorme senso di colpa che portava per il suicidio di Jennifer, i suoi dubbi persistenti sul fatto che sua madre avesse la sindrome di Munchausen per procura per procura, e il fatto che avesse scelto il lavoro di polizia come modo per affrontare questi sentimenti.

Usando le migliori risorse, le sue capacità investigative, ha dimostrato che sua madre ha fatto del male a Jennifer e che aveva ragione a fermarla. Poi riuscì a liberarsi ea voltare le spalle alla polis.

Ovviamente, aveva un po' di cose da fare sul caso, la cui risoluzione era ovviamente importante ma si sentiva secondaria, in qualche modo, rispetto alla risoluzione della trama di Saga.

In primo luogo, il detective Jonas ha avuto i suoi giusti dessert, il buffone politicamente scorretto (che parlava regolarmente di omosessuali e simili) è stato additato (un po' senza sorprese) come la persona che aveva venduto i dettagli dell'indagine alla stampa. Ma essere politicamente scorretti in Svezia è brutto quasi quanto essere un assassino di massa, e senza dubbio verrà estromesso dalle forze dell'ordine tanto per questo quanto per il suo tradimento.

1.33 zona di guerra

Per quanto riguarda gli omicidi, pensavamo che la verità fosse stata svelata nell'ultimo episodio con lo smascheramento di Susanne, l'assistente di Niels e l'amante segreto dell'informatore della polizia assassinato Tomas. Come suggerito la scorsa settimana, era stata lei a uccidere le persone amate da coloro che lo avevano deluso. Lo ha ammesso anche nella stanza delle udienze – sospettavamo un po' troppo convenientemente.

Perché Saga si rese conto che i tempi del rapimento e dell'uccisione della prima vittima Margrethe Thormod non si accumulavano e che un'altra persona doveva essere stata coinvolta. E quella persona era il figlio di Tomas, Kevin, l'amico dipendente dalla sedia a rotelle di Henrik. E Henrik era il suo prossimo obiettivo.

Quindi, ovviamente, è stato Saga a correre per salvare il giorno in cui Kevin è venuto a uccidere la figlia di Henrik, Astrid, la cosa più preziosa della sua vita. Uno stallo prolungato è stato doloroso da guardare prima che un proiettile, dritto nell'occhio di Kevin, arrivasse appena in tempo. Saga non si scherza. La giornata è stata salvata. Anche se la relazione romantica di Saga e Henrik sembra essere in attesa, almeno per il momento.

È stato tutto piuttosto brillante, anche se è stato molto triste dire addio al favoloso personaggio di Sofia Helin. Qualcosa che l'attrice ha trovato anche quando ha filmato i suoi ultimi momenti.

Ero molto concentrato nella scena finale perché era una scena tecnica, ha detto Helin a RadioTimes.com. Dopo ho pianto e ho abbracciato i miei amici. Sì, è stato emozionante, ma è stato anche un grande sollievo. È un lavoro duro... ed è un sollievo non avere quell'immensa pressione sulle spalle. Mi manca? Non mi manca, perché posso parlarle in qualsiasi momento. Non le ho detto addio nella mia testa.

Alla domanda se poteva indossare di nuovo i pantaloni di pelle, Helin ha fatto eco alle osservazioni fatte dal creatore Hans Rosenfeldt per non dire mai di un'altra visita: Non si sa mai. Ma per ora è la fine.