Spiegazione dell'episodio 2 di Black Mirror stagione 5 – Charlie Brooker e Annabel Jones abbattono Smithereens

Sci-Fi


lavorare da casa inserimento dati

**Spoiler per l'episodio 2 della stagione 5 di Black Mirror a seguire**

Mentre il turno di Andrews Scott nella quinta stagione di Black Mirror non è così allettante come il suo periodo di Sexy Priest nella seconda stagione di Fleabag, non è meno magistrale.

  • Andrew Scott è il protagonista del primo trailer della quinta stagione di Black Mirror
  • Tutto quello che c'è da sapere sulla stagione 5 di Black Mirror
  • Quanti finali ha il film interattivo Bandersnatch di Black Mirror?

In Smithereens, l'episodio di gran lunga più straziante delle tre nuove storie di Black Mirror, l'attore interpreta Chris, un tassista che prende in ostaggio un impiegato della società di social media Smithereen.





Lo vediamo per la prima volta bighellonare nel suo veicolo fuori dall'ufficio di Smithereen, in attesa che un dipendente accetti un passaggio da lui tramite un'app simile a Uber. Prende una donna proprio vicino all'edificio, ma è deluso nello scoprire che lavora altrove.

Poi lo vediamo a una sessione di consulenza sul lutto, dove incontra una madre in lutto, la cui figlia si è tolta la vita inaspettatamente nel suo dormitorio universitario. I due fanno sesso, e in seguito rivela a Scott che ha cercato di accedere all'account 'Persona' di sua figlia (un social network fittizio), ma poiché la società stessa non è stata d'aiuto, ha fatto ricorso a password diverse ogni giorno.

Dopo questo, Chris fa finalmente atterrare Jaden (Damson Idris), un lavoratore Smithereen, nella sua auto e lo prende in ostaggio. Da qui, il suo piano inizia a disfarsi catastroficamente. Jaden rivela di essere un umile stagista e mentre si allontana a ovest di Londra, vengono individuati dalla polizia. Il duo quindi si arena in un campo appena fuori da una strada di campagna, circondato dagli ottoni.

Un negoziatore entra in contatto con Chris, mentre pianifica di eliminarlo tramite un cecchino, se necessario. Chris chiede di parlare con Billy Bauer (Topher Grace), il fondatore e CEO di Smithereen.



Dopo un po' di tempo, Bauer, che è in un ritiro di disintossicazione tecnologica di una settimana in California, viene rintracciato. Chris chiarisce che non ha intenzione di fare del male a Jaden e apre il suo cuore a Bauer, spiegando che sua moglie è morta in un incidente che ha causato guardando una notifica di Smithereen sul suo telefono. Scott si assume la responsabilità della sua morte, ma dà la colpa alla compagnia di Bauer, accusandola di aver reso intenzionalmente il loro servizio avvincente.

Chris quindi tenta di uccidersi, ma mentre Idris lotta con lui per procurarsi la pistola, uno sparo risuona dalla polizia e i titoli di coda scorrono, lasciando il pubblico all'oscuro di chi sia stato colpito dal proiettile.

Abbiamo parlato con Charlie Brooker e Annabel Jones dell'episodio. Check-out il nostro debriefing su tutti i principali punti di discussione dell'episodio qui sotto .


L'idea è nata dall'esperienza di Charlie Brooker

Brooker ha unito due concetti per Smithereen.

Uno dei quali ha a che fare con le piattaforme social appartenenti a persone che non sono più con noi, ha detto, e tl'altro ha a che fare con un'esperienza che ho avuto, in cui sono entrato in un Uber, sono salito sul sedile posteriore e stavo fissando il mio telefono come uno zombi e dopo circa 20 minuti mi sono reso improvvisamente conto che il l'auto si era fermata e si era fermata e l'autista era sceso e stava rovistando nel bagagliaio, e ho pensato: 'Cosa sta succedendo?'

Ho guardato fuori dalla finestra e ho pensato: 'Oh mio Dio, sto per morire?' E poi il ragazzo è venuto e ha detto: 'Scusa, era una giornata calda, volevo prendere una bottiglia d'acqua e l'ho fatto' Non voglio interromperti perché eri al telefono.'

Sfortunatamente, Jaden non è stato così fortunato...


Il folle monologo di Andrew Scott prende intenzionalmente in giro la percezione di Black Mirror

Dopo che Chris si rende conto di avere uno stagista nella sua auto piuttosto che un membro del consiglio di alto rango, si dà di matto e fa uno sproloquio sulla diffusione degli smartphone nella società moderna.

Brooker e Jones hanno suggerito che riflette l'immagine che molte persone hanno di Black Mirror come un racconto morale timoroso della tecnologia.

Questo è stato abbastanza deliberato, però, ha detto Brooker. C'è qualcosa di cupamente comico nello sfogo e poi ovviamente nel contesto della scena è piuttosto minaccioso, tipo 'Oh fottuto diavolo, sta esplodendo, ed è abbastanza divertente quello che sta dicendo, ma ovviamente è abbastanza sconvolto e disturbato'.

Non stiamo agitando il dito e dicendo 'metti giù il telefono' e 'elimina quell'app'.Questo è ciò per cui siamo caratterizzati, ed è per questo che in un certo senso è divertente che Andrew Scott lo offra.


Billy Bauer non dovrebbe essere un cattivo

Il duo ha affermato che raramente si proponeva di creare un tipico cattivo e che il personaggio di Topher Grace non era malvagio.

Non tendiamo a fare [i cattivi], ha detto. Non lo compro mai. Funziona nel contesto di un film di Bond – vuoi che un cattivo sia il più fottutamente malvagio possibile – ma in Black Mirror non funziona del tutto, quando abbiamo fatto persone davvero malvagie come il cattivo in [ episodio della terza stagione] Odiati nella nazione, sono pazzi.

Jones ha aggiunto:E anche questo è guidato da un senso di moralità fuorviante.


Andrew Scott ha accettato di recitare nell'episodio perché la sceneggiatura parlava con lui

È stata la prima persona a cui abbiamo pensato, ha letto la sceneggiatura e gli ha parlato davvero, ha detto Jones.

Stava pensando alla sua relazione con la tecnologia e a come si sentiva in qualche modo schiavo di essa, quindi penso che volesse davvero fare qualcosa che non fosse una favola morale, dove non ci fosse un cattivo ovvio, dove il suo personaggio non dicesse ' Non sono colpevole, non sto cercando Smithereen per assolvere totalmente la mia colpa', è solo volere una sorta di comprensione su come è arrivato in quel posto.

La quinta stagione di Black Mirror è ora in streaming su Netflix