Dietro le quinte di Kong: Skull Island con Tom Hiddleston e Samuel L Jackson

Viaggio


O'AHU, HAWAII, NOVEMBRE 2015

A sole 24 miglia da Honolulu si trova Kualoa Ranch, una riserva privata di 4.000 acri sul lato sopravvento di O'ahu. Una serie di tortuose valli verdi circondate da cime avvolte dalla nebbia e cascate impetuose, è un luogo di straordinaria bellezza naturale. Non sorprende che il Ranch sia stato visitato da molte importanti produzioni cinematografiche e televisive e abbia fornito lo sfondo lussureggiante per la famosa fuga precipitosa di Gallimimus di Jurassic Park.





Oggi, tuttavia, Kualoa Ranch è stato trasformato nella sua ambientazione cinematografica più elettrizzante fino ad oggi. Mentre la pioggia cade, una parata di soldati e civili si muove con cautela attraverso quello che sembra essere un gigantesco cimitero. La loro apprensione è comprensibile... perché queste non sono ossa normali. Tra la collezione di resti sparsi ci sono enormi costole e la testa inclinata di un triceratopo. Al centro di tutto, così gigante che una mucca potrebbe facilmente passare attraverso la sua orbita, c'è il teschio di una scimmia gigante.

dove vedere the amazing spider man

Con raffiche di fumo solforico che fuoriescono dalle bocchette nascoste nelle rocce circostanti, è un paesaggio sia fantastico che infernale: un primo sguardo perfetto nel dominio di un feroce mito di 30 metri.

Questo è il set di Kong: Skull Island, l'epopea d'azione che riporterà uno dei mostri cinematografici più iconici di tutti i tempi sugli schermi nel 2017, accompagnato da un cast di successo guidato da Tom Hiddleston, Samuel L Jackson, John Goodman, Brie Larson e John C Reilly.

Ma non aspettarti di vedere Kong scalare l'Empire State Building. Mentre i precedenti film di Kong hanno visitato il suo habitat ultraterreno solo come preludio alla grande resa dei conti a New York, con questo, il regista Jordan Vogt-Roberts e il team di produzione dietro Godzilla del 2014 stanno ritagliando una mitologia completamente nuova, che si svolge interamente all'interno questo Eden primordiale – dove Kong è Re e l'umanità non appartiene.

All'interno del terreno tempestoso e selvaggiamente bello di Kualoa Ranch, non è poi così lontano immaginare creature colossali che scendono dalle scogliere circostanti. Quella realtà tangibile, afferma Vogt-Roberts, è il fulcro di un'ambiziosa ripresa di sei mesi che trascinerà cast e troupe in tre continenti.



quarta stagione sex education

Sono un ragazzo all'aria aperta, sorride il nativo di Detroit. Quindi, per me, era incredibilmente importante girare il film in modo pratico, in ambienti con cui gli attori possono interagire, invece di metterli su un palco con schermo verde. Stiamo portando Kong in vita su una scala completamente nuova in questo film, quindi è fondamentale che il suo mondo sia tattile, reale e assolutamente vivo.

Dopo una serie di cortometraggi pluripremiati e il successo indipendente The Kings of Summer, Kong: Skull Island è di gran lunga il più grande film che Vogt-Roberts abbia mai realizzato. Non puoi fabbricare un teschio gigante di 30 piedi in un film indipendente, attesta. Questo è l'occhio della mente, roba da sogno d'infanzia!

Ma il giovane regista non prende alla leggera un'eredità cinematografica. Con la tecnologia a nostra disposizione oggi, abbiamo l'opportunità di onorare tutte le qualità di questo personaggio che hanno risuonato nel tempo offrendo un Kong nuovo di zecca per questa generazione, afferma. Ecco perché il nostro Kong sarà il più grande mai portato sullo schermo. C'è un peso e una gravità in lui che comunica, a un livello molto istintivo, che qui c'è qualcosa di più grande di noi stessi. Voglio che le persone sentano cosa vuol dire guardare in alto e vedere qualcosa di cosciente e feroce e alto 30 metri che incombe su di te.

Una schiera diversificata di personaggi si sta facendo strada con cautela attraverso la landa desolata disseminata di scheletri. John Goodman interpreta Bill Randa, il capo di Monarch e leader nominale della missione; Samuel L. Jackson è il tenente colonnello Packard, un veterano del Vietnam temprato dalla battaglia che guida il rilevamento aereo dell'isola; Tom Hiddleston interpreta un ex tracker SAS Randa rintracciato a Saigon chiamato Capitano James Conrad; e Mason Weaver di Brie Larson è un'autodefinita fotografa contro la guerra che si è fatta strada nella missione per curiosità sul suo vero scopo.

Giacobbe in difesa

Ma mentre Kong è il più grande, è tutt'altro che la cosa più feroce qui. Ci sono altre creature ancora più terrificanti sull'isola, e questo è un cimitero delle vittime di queste creature, confida Goodman, osservando le ossa gigantesche e fin troppo reali che quasi brillano nell'aria nebbiosa. È abbastanza incredibile quello che hanno sviluppato, con le macchine del fumo e tutti i tipi di cose croccanti su cui camminare. Spero che non siano ossa umane, scherza, ma sono sicuro Guarda come loro.

Gli attori vengono richiamati sul set e assistiamo alla scena tesa. All'inizio sembra che i visitatori possano attraversare il cimitero senza incidenti, ma appena emergono dalle mandibole del gigantesco teschio di scimmia, si scatena l'inferno. Una sequenza di battaglia viscerale e ardente si svolge mentre i visitatori respingono un'imboscata da una legione di creature, alcune delle quali li bombardano in picchiata dall'aria. E mentre gli attori combattono in modo credibile, i loro aggressori, come lo stesso Kong, verranno aggiunti in seguito tramite CGI.

Samuel L Jackson fa eco al suo regista sui vantaggi delle riprese in questo ambiente. Ho un'immaginazione piuttosto vivida, quindi posso immaginare molte cose che sarebbero naturalmente qui fuori. Camminare su un terreno accidentato e sentire il caldo tropicale aiuta sicuramente ad aggiungere una realtà, fisicamente e visivamente, per tutti noi.

Sebbene fosse in realtà una delle star di Jurassic Park, l'attore non è mai arrivato al Kualoa Ranch durante le riprese. Proprio quando mi stavo preparando per iniziare, un uragano ha colpito e distrutto tutti i set. Avrei dovuto essere inseguito nella giungla da un rapace, ma non ne ho mai avuto l'occasione. È così che è finita con solo il mio braccio appeso a un muro.

Inutile dire che ora si sta godendo l'esperienza. Mi piace stare in posti caldi, sorride. Una delle cose di questo progetto che mi ha attratto è stata l'idea di andare in tutti questi posti meravigliosi quando è inverno in tutta l'America. È davvero una benedizione e un privilegio poter uscire ogni giorno e fingere di essere qualcos'altro, e divertirsi il più possibile mentre lo fai.

Per il cast e la troupe, l'avventura abbraccia non solo le fitte e vibranti giungle di Kualoa Ranch e l'Ohulehule Forest Conservancy della Waikane Valley, ma lo storico quartiere Chinatown di Honolulu, che il dipartimento artistico ha trasformato nella vivace Saigon degli anni '70.

Li ha anche portati nei cieli delle Hawaii, dice Hiddleston: Brie e io siamo andati con la seconda unità in una formazione di Hueys. Stavamo sorvolando questa valle vulcanica e il Pacifico in un elicottero acrobatico pilotato da Fred North, che ha fatto il giro della vita in Spectre. Era completamente aperto, senza porte, ed eravamo entrambi affacciati, ma completamente allacciati, quindi eravamo al sicuro. Per arrivare a farlo e chiamarlo un lavoro è davvero sorprendente.

Ma per quanto adrenalinici siano stati questi momenti, per i creatori di Kong: Skull Island è solo l'inizio. Per raggiungere l'intera portata e la portata che stanno cercando, il cast e la troupe hanno altri due continenti da visitare. Abbiamo setacciato il mondo per trovare ambienti che potessimo mettere sullo schermo e far pensare al pubblico: 'Wow, dov'è?' dice Vogt-Roberts. E per quanto belle siano le Hawaii, sono solo la punta dell'iceberg.

assasinio di gianni versace

Hiddleston sul perché amava girare in Vietnam e in Australia sul retro...